Il Papa è rimasto chiuso 25 minuti in ascensore

Un insolito incidente ha fatto slittare di oltre cinque minuti l'appuntamento con l'Angelus di Papa Francesco. "Devo scusarmi del ritardo: sono rimasto chiuso in ascensore per 25 minuti, c'è stato un calo di tensione ma poi sono venuti i vigili del fuoco ed è riuscito a ripartire", ha spiegato il Pontefice ai fedeli che gremivano Piazza San Pietro, invitando a rivolgere un applauso ai pompieri.

 Il Papa 82enne è rimasto chiuso nell'ascensore privato mentre raggiungeva il terzo piano del palazzo apostolico, da dove si affaccia per la preghiera domenicale di mezzogiorno.

L'emergenza è stata subito segnalata alla centrale operativa interna che ha allertato i vigili del fuoco vaticani, un corpo risalente allo Stato pontificio la cui caserma si trova a poche centinaia di metri. Sono stati loro a liberare il Pontefice mentre in piazza la folla e le tantissime tv collegate si interrogavano sui motivi dell'inusuale ritardo.

L'accesso all'ascensoretto avviene dal cortile di Sisto V e collega con l'appartamento papale in cui il pontefice ha scelto di non abitare. L'impianto fu molto usato in particolare da Giovanni Paolo II per i suoi problemi di deambulazione, dopo che gli era stata applicata una protesi all'anca per la caduta del 1994.