Il Papa dona al patriarca buddista il documento di Abu Dhab -2-

Ska

Roma, 21 nov. (askanews) - La Dichiarazione sulla Fratellanza si fa strada anche in Estremo Oriente, sottolinea Vatican News. In una nota a commento della prima giornata del Papa in Thailandia Andrea Tornielli, direttore editoriale vaticano, sottolinea che l'appuntamento con il Patriarca supremo dei buddisti al Wat Ratchabophit Sathit Maha Simaran Temple è stato "cordiale e familiare": "Francesco è entrato senza scarpe, accolto dal novantaduenne Patriarca e da altri monaci. Nel suo discorso, il Papa ha invitato a crescere in uno stile di 'buona vicinanza', ringraziando per il fatto che i cattolici, pur essendo un gruppo minoritario, 'hanno goduto della libertà nella pratica religiosa' vivendo per molti anni in armonia con i loro fratelli e sorelle buddisti. Interessante e toccante anche lo scambio a braccio tra i due leader religiosi: il Patriarca supremo ha ringraziato Francesco perché la Chiesa cattolica in Thailandia è venuta 'per aiutare e non per conquistare». Un esempio di come si annuncia il Vangelo con la testimonianza e con la vita, senza alcuna mira egemonica, lavorando per aiutare i poveri e per salvare la «nostra tanto maltrattata casa comune'. Durante lo scambio dei doni, il Vescovo di Roma ha regalato al Patriarca buddista la Dichiarazione sulla fratellanza umana firmata ad Abu Dhabi lo scorso febbraio. Un testo che - sottolinea Vatican News - si va lentamente facendo strada anche al di là delle relazioni tra cristiani e musulmani".