Il papa scrive una lettera di sostegno a padre James Martin, difensore dei diritti Lgbt

·2 minuto per la lettura
(Photo: Getty)
(Photo: Getty)

“Prego per i tuoi fedeli, i tuoi ‘parrocchiani’, tutti coloro che il Signore ha posto accanto a te perché tu ti prenda cura di loro, li protegga e li faccia crescere nell’amore di nostro Signore Gesù Cristo”. Scrive così Papa Francesco in una lettera indirizzata al padre gesuita James Martin, difensore dei diritti Lgbtq. Lo scritto - datato 21 giugno, ma pubblicato solo oggi su Twitter dal reverendo - arriva dopo le polemiche per la nota emessa dal Vaticano, in contrasto con il Ddl Zan.

“Dio si avvicina con amore ad ognuno dei suoi figli, a tutti e ad ognuno di loro. Il suo cuore è aperto a tutti e a ciascuno. Lui è Padre», ha scritto il Pontefice a Martin, in occasione del webinar Outreach Lgbtq Catholic Ministry che si è tenuto sabato 26 giugno. E ancora: “Lo stile di Dio ha tre tratti: vicinanza, compassione e tenerezza. Questo è il modo in cui si avvicina a ciascuno di noi. Pensando al tuo lavoro pastorale, vedo che cerchi continuamente di imitare questo stile di Dio. Tu sei un sacerdote per tutti e tutte, come Dio è Padre di tutti e tutte. Prego per te affinché tu possa continuare in questo modo, essendo vicino, compassionevole e con molta tenerezza”.

Il papa esprime il suo sostegno a Martin e lo ringrazia per la sua attività nella comunità Lgbt, con la “capacità di essere vicino alle persone con quella vicinanza che aveva Gesù e che riflette la vicinanza di Dio

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli