Il Papa: "Violenza contro le donne è oltraggio a Dio"

·2 minuto per la lettura
REUTERS/Guglielmo Mangiapane
REUTERS/Guglielmo Mangiapane

"Mentre le madri donano la vita e le donne custodiscono il mondo, diamoci da fare tutti per promuovere le madri e proteggere le donne. Quanta violenza c'è nei confronti delle donne! Basta! Ferire una donna è oltraggiare Dio, che da una donna ha preso l'umanità, non da un angelo, no, direttamente da una donna". 

Sono queste le parole di Papa Francesco durante la Messa della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio, la prima messa papale del 2022. 

"Il nuovo anno - ha insistito il Pontefice - inizia nel segno della Madre. Lo sguardo materno è la via per rinascere e crescere. Le madri, le donne guardano il mondo non per sfruttarlo, ma perché abbia vita: guardando con il cuore, riescono a tenere insieme i sogni e la concretezza".

VIDEO - Violenza sulle donne, il commovente messaggio di una signora di 106 anni

E ha proseguito: "All’inizio del nuovo anno mettiamoci sotto la protezione di questa donna, la Madre di Dio che è nostra madre". Il Papa ha poi sottolineato che "c'è bisogno di gente in grado di tessere fili di comunione, che contrastino i troppi fili spinati delle divisioni" e che "le madri sanno superare ostacoli e conflitti, sanno infondere pace. Così riescono a trasformare le avversità in opportunità di rinascita e in opportunità di crescita. Lo fanno perché sanno custodire, sanno tenere insieme i fili della vita".

Papa Francesco ha poi rivolto un pensiero a Mattarella, che ieri ha tenuto l'ultimo discorso di fine anno del suo mandato. "Ricambio di cuore e con gratitudine il saluto del signor presidente della Repubblica italiana e assicuro la mia preghiera per lui e per il popolo italiano", ha detto.

VIDEO - Michelle Hunziker lancia un messaggio social: “Tutte le donne dovrebbero sapersi difendere”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli