Il partito di Matteo Salvini ha raggiunto il valore minimo da più di dodici mesi

·2 minuto per la lettura
Sondaggi elettorali: il partito della Lega in costante calo
Sondaggi elettorali: il partito della Lega in costante calo

Gli ultimi sondaggi elettorali realizzati da Swg per il Tg La7 mettono in risalto il costante calo della Lega: il partito di Matteo Salvini si attesta al 23%, il dato più basso registrato da oltre un anno a questa parte. A crescere, invece, è il partito di Giorgia Meloni, che sfiora il 17% e accorcia nettamente il distacco dal Carroccio, che solo 12 mesi fa aveva il triplo dei voti di Fratelli d’Italia.

Sondaggi elettorali: netto calo della Lega

Continua il calo della Lega nei sondaggi, mentre cresce Fratelli d’Italia, che, ormai, ha ridotto il distacco da quello di Matteo Salvini a poco più di sei punti: un dato impensabile anche solo un anno fa, quando il Carroccio aveva più del triplo dei voti rispetto all’altro partito alleato di centrodestra. Sono questi i dati principali che emergono dagli ultimi sondaggi elettorali realizzati da Swg per il Tg La7. Ed è proprio lo stesso direttore del telegiornale, Enrico Mentana, a specificare come la Lega abbia raggiunto il valore “minimo da un anno a questa parte”, scendendo al 23% (0,3% in meno rispetto alla scorsa settimana).

Anche il Partito Democratico in calo

Accanto alla Lega, anche il Pd sembra perdere colpi, scendendo sotto la soglia psicologica del 20%. Il partito guidato da Nicola Zingaretti perde infatti mezzo punto percentuale e si ferma al 19,9%. Vedendo, peraltro, avvicinarsi il partito della Meloni. È proprio Fratelli d’Italia il partito che guadagna più consensi negli ultimi sette giorni: ben lo 0,6% in più. Dopo gli Stati generali, in crescita vi è anche il Movimento 5 Stelle: con lo 0,4% in più rispetto alla scorsa settimana, i pentastellati raggiungono il 15,3%.

Azione torna davanti a Italia Viva

Anche se di poco, cresce pure Forza Italia, che guadagna lo 0,2% e ottiene il 6,2% dei consensi. In calo, invece, la componente de La Sinistra, di cui fanno parte Leu e Articolo 1: 3,6% dopo un calo dello 0,2%. Nuovo sorpasso da parte di Azione, partito di Carlo Calenda, nei confronti di Italia Viva di Matteo Renzi. Per Azione la crescita è dello 0,3% e il dato al 3,4%; per Iv il calo è dello stesso 0,3%, che significa un dato al 3,2%. Mentre perdono lo 0,2% sia +Europa (ora al 2,4%) che i Verdi (all’1,8%), guadagna la stessa percentuale Cambiamo di Giovanni Toti, che comunque non va oltre l’1,3%. Non si esprime il 34% del campione, una percentuale in calo di quattro punti rispetto alla settimana precedente.