Il passato del palermitano, tra incontri elettorali e selfie con il leader del Carroccio.

·2 minuto per la lettura
Filippo Accetta cena Salvini
Filippo Accetta cena Salvini

Filippo Accetta, leader no vax di Palermo, da più parti chiamato lo Stefano Puzzer del capoluogo siciliano, è stato arrestato dalla Digos per false vaccinazioni volte ad eludere la norma sul green pass. Nel passato di Accetta anche un impegno politico sul territorio, impegno che lo stesso faceva ricadere sotto il simbolo della Lega di Matteo Salvini con il quale ha fatto una cena di partito insieme e scattato delle foto.

Filippo Accetta a cena con Salvini

La cena in questione è stata organizzata dai sostenitori siciliani della Lega al ristorante Taco Loco di Palermo e a promuoverla sarebbe stato il deputato regionale Vincenzo Figuccia, segretaio provinciale del partito. Tra Figuccia e Accetta ci sarebbe, come riferisce La Repubblica, un rapporto di amicizia molto stretto.

Filippo Accetta e la cena con Salvini

Ultimamente si era dato ai no vax”, ha commentato lo stesso Figuccia facendo attenzione a non aggiungere altro. Ora Accetta per la Lega di governo è il personaggio dal quale prendere le distanze, da allontanare, malgrado solo pochi mesi fa fosse a cena con tutti i leader regionali e con Salvini. I due, come detto, hanno scattato anche una foto insieme poi inserita su un volontino che il leader no vax avrebbe voluto utilizzare per candidarsi la prossima primavera alle elezioni comunali a Palermo con il simbolo della Lega.

Salvini a cena con Filippo Accetta

Dalla sua Filippo Accetta può contare diversi anni spesi nella rappresentanza di varie categorie. È stato infatti leader degli ambulanti e membro del gruppo di ex detenuti e disoccupati Sentinelle del verde. Il figlio è titolare di un Caf e fondatore di un movimento neofascista, l’Audaces Palermo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli