Il patron di Tesla si video collega e spiega la sua visione che non è immune da scelte radicali

Elon Musk
Elon Musk

Dopo essersi messo in lizza concreta per diventare il loro Ceo Elon Musk incontra i dipendenti Twitter e la dice chiara: “Sono pronto a licenziare”. Il patron di Tesla si videocollega e spiega la sua visione che non è immune da scelte radicali, perciò ha detto: “La compagnia ha bisogno di mettersi in salute”. Lo ha detto ai dipendenti di Twitter durante il suo primo incontro da quando aveva annunciato l’intenzione di comprare il social network.

Musk incontra i dipendenti Twitter

Musk non lo ha detto “di suo” che i licenziamenti non sono affatto una chimera, ma lo ha fatto rispondendo a una domanda. E secondo la Cnbc ha anche spiegato che il numero di dipendenti dovrà diminuire perché al momento “i costi superano i guadagni”. E ancora: “Tutti quelli che danno un contributo significativo non hanno nulla da temere. Se qualcuno fa cose utili, benissimo. Ma altrimenti mi chiedo perché sia in questa azienda”.

“Le auto non si fanno da remoto”

Musk ha chiosato che intende raggiungere il miliardo di utenti attivi giornalieri, rispetto ai 229 milioni censiti ad inizio del 2022. E ci sono state altre domande cruciali, come ad esempio quelle sul lavoro da remoto su cui Musk si era già espresso in maniera negativa. Lo aveva fatto con una secca mail interna ai circuiti di Tesla. Twitter però pare fare caso a sé: “Tesla produce macchine, e non si possono produrre macchine da remoto”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli