Il Pd, il ddl Zan e la vocazione minoritaria

·1 minuto per la lettura
Getty images (Photo: Getty images)
Getty images (Photo: Getty images)

Sostiene che bisogna “evitare muri”, lavorare per “migliorare” e “cambiare”, altrimenti si rischia l’“affossamento” della legge Zan o l’approvazione di una legge “con elementi negativi”. Dice proprio così Mino Tarocco, che nella vita fa il senatore, come gruppo parlamentare appartiene al Pd, di orientamento è un cattolico adulto, uno di quei tanti senatori poco noti al circo mediatico, che però pensa, agisce e vota, magari obbedisce ma si incazza pure se lo tratti a comando. E dice che non è l’unico: “C’è parecchia perplessità – ci spiega - e parecchio disagio nel merito, perché alcune questioni, insomma quelle note a partire dall’identità di genere, meriterebbero di essere discusse seriamente. Insomma c’è tutta una discussione culturale e antropologica che non si affronta con un testo blindato”.

Morale della favola: “Io ho suggerito a tutti di fare bene i conti”. Beh, i conti sono presto fatti: se a favore della calendarizzazione immediata ci sono stati 145 voti e 134 contrari, basta che nel voto segreto se ne spostano quanti sono sulle dita di una mano e arrivederci. Basta Renzi, ma, il problema di Letta si chiama Tarocco, inteso non come persona, ma come sentimento, tenuta, dissenso represso, in nome della disciplina di partito, scelta imposta. I tanti Tarocco che ti dicono “così non passerà mai ed è un peccato”. Se invece si raggiunge un accordo alla luce del sole, del quale fa parte anche la rinuncia al voto segreto, la legge passa, peccato che non lo vuole il Pd.

La rossa Fedeli, cresciuta alla scuola di Giorgio Napolitano – il Pci, la questione cattolica, il rifiuto del settarismo, gli avanzamenti possibili nelle condizioni date – sono giorni che, discretamente, suggerisce questo e chiede una riunione di gruppo, gestito invece un...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli