Il Pd prova a sganciarsi dal partito delle procure

·Giornalista, Huffpost
·1 minuto per la lettura
- (Photo: Ansa)
- (Photo: Ansa)

“La prima riforma da fare è quella della giustizia, sulla quale sosteniamo la ministra Cartabia”. L’endorsement è chiaro, pieno, senza riserve. A pronunciarlo è il segretario del Pd, Enrico Letta, in apertura della Direzione del partito. ”È il momento per superare il dualismo di 30 anni di scontro politico sulla giustizia - ha continuato - il dualismo tra giustizialismo impunitismo. Questo è il momento per far sì che la riforma della giustizia si faccia per avere dei processi giusti, rapidi e che non si sovrapponga l’indipendenza della magistratura con un autogoverno che ha fallito”, ha continuato. Le sue parole arrivano al culmine di giorni in cui i dem hanno definito la proposta di riforma dei tecnici della Guardasigilli “coraggiosa”, “saggia”, di un respiro tale da poter “imprimere una svolta alla durata del processo penale, nel rispetto dell’equilibrio tra le garanzie e le esigenze di giustizia” e nello stesso giorno in cui su La Stampa esce un editoriale critico degli interventi prospettati dalla commissione ministeriale sul ddl penale. A firmarlo è Armando Spataro, già procuratore capo di Torino. Punta il dito in particolare contro due proposte: quella di vietare l’appello al pm, sia in caso di sentenze di assoluzione che in caso di condanna, e quella che stabilisce che le priorità di intervento dei pm dovrebbero essere decise dal Parlamento, con legge. Spataro è uno dei primi a esporsi contro queste proposte. Le toghe per il momento non alzano barricate, anche se - dal chiuso del proprio ufficio - c’è chi fa notare che gli appelli posti dalla pubblica accusa sono una percentuale molto bassa del totale.

Leggi anche...

Rivoluzione Cartabia: stop all'Appello per le procure

L’idea di precludere ai pm l’appello era già stata inserita nel provvedimento firmato da Pecorella, nel 2006, durante uno dei governi Berlusconi. Contestatissima dal ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli