Il più grande hedge al mondo ha scommesso 1 miliardo sul crollo delle borse entro marzo

alessandro galiani

Bridgewater, il più grande gestore hedge del mondo, ha scommesso un miliardo di dollari su un calo generalizzato dei listini azionari mondiali mondiali a marzo. In pratica Bridgwater guadagnerà se a marzo lo S&P 500 e l'Euro Stock 50 finiranno entrambi in rosso. Lo rende noto il Wall Street Journal, citando fonti finanziarie che conoscono bene questo fondo la cui caratteristica è quella di agire, anticipando i trend di mercato, secondo un processo d'investimento rigorosamente quantitativo, basato sull'uso degli algoritmi per comprare e vendere asset. Le opzioni put di Bridgewater scadranno a marzo e rappresentano, al momento, la maggiore scommessa ribassista presente sul mercato.

Secondo il Wsj non è possibile determinare perché Bridgewater abbia effettuato l'investimento. Diversi clienti hanno affermato che potrebbe essere semplicemente la copertura per una significativa esposizione rialzista sui mercati azionari, che la stessa impresa ha creato. I fondi spesso proteggono o assumono posizioni di compensazione contro altre esposizioni per proteggersi dalle perdite.

Spesso quando i mercati raggiungono livelli record, come è accaduto a Wall Street, molti investitori si preoccupano di una correzione e scommettono al ribasso.

Diversi grossi gestori di fondi hanno anche previsto che i mercati cadranno se la senatrice Elizabeth Warren vincerà la nomination al Partito Democratico o la presidenza. Tuttavia Bridgewater ha rifiutato di rilasciare commenti sui suoi scambi, precisando soltanto che "non abbiamo posizioni che sono destinate a coprire o scommettere su eventuali sviluppi politici negli Stati Uniti".