Il piano delle carceri lombarde per affrontare l'emergenza coronavirus

Una giudice di Milano bloccata all'ingresso del carcere di San Vittore perché ha la febbre. L'immagine svela l'isolamento in cui versano le carceri italiane e in particolare quelle lombarde, coi detenuti ai quali sono state tolte le possibilità  di avere colloqui di persona coi familiari e di uscire, nemmeno per lavorare, se non con deroghe particolari.

Per il momento non sono stati registrati casi di coronavirus. Aldo Di Giacomo, segretario del sindacato di polizia penitenziaria, informa che “nelle carceri lombarde ci sono una ventina di persone in isolamento perché hanno la febbre, non il coronavirus, per una misura di cautela. A nessuna di loro è stato fatto il tampone, perché non ci sono i criteri che valgono per tutti. Ma quando avranno febbre alta e disturbi respiratori, non resterà che metterli in ospedale e avranno già probabilmente infettato tutti”.

Tra esigenze di salute pubblica e anche di sicurezza, perché non è difficile immaginare subbugli dei carcerati se qualcuno di loro dovesse ammalarsi, gli istituti penitenziari affrontano un momento molto delicato.

“L'epidemia arriva in una situazione già grave – spiega all'AGI Francesco Maisto, garante dei diritti delle persone private della libertà di Milano -  determinata  da due fattori: il sovraffollamento, con ottomila detenuti a fronte di una capienza di 6 mila in Lombardia, e i problemi particolari in tema sanitario che ci sono da sei-sette mesi.

È successo che, per inadempimento di una legge regionale che ha imposto degli accorpamenti, siamo arrivati al punto che erano scaduti i contratti dei medici e non erano state fatte delle proposte per nuovi contratti. Quindi dei medici lavoravano senza contratto e altri non hanno più lavorato”.

​Le regole per il coronavirus sono state dettate da un susseguirsi frenetico di decreti, raccomandazioni del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria e direttive di vario genere. Il problema è stato armonizzarle e metterle in ordine di gerarchia. “Non è che ogni direttore potesse scegliersi la normativa ritenuta più giusta, questo non è giustificato neanche dall'emergenza”, osserva Maisto.

Per le carceri milanesi all'inizio  la scelta era stata quella di lasciare la possibilità di colloqui visivi ai detenuti, mentre altrove, per esempio in Emilia Romagna, erano stati sospesi subito. Col decreto legge del 2 marzo, il governo ha stabilito che negli istituti  delle regioni che hanno comuni in ‘zona rossa' i parenti non possono accedere alle carceri e i colloqui si fanno via telefono, via skype o con videochiamata.

Un'interpretazione della disposizione ha fatto sì che questa questa possibilità non venisse concessa nelle carceri di massima sicurezza, come Opera. “Sono stata stamattina a Bollate – racconta l'avvocato Valentina Alberta – il cortile era pieno di gente che telefonava. Quello che non capisco è perché solo noi avvocati dobbiamo entrare con la mascherina, mentre gli operatori no. Allora che senso ha non fare entrare i parenti? ”.

Nel frattempo, in Lombardia sono arrivate le tende per il triage a Opera, Bollate e San Vittore. Agli avvocati viene controllata la temperatura e sono sospesi gli ingressi dei volontari per evitare assembramenti.

“Non vado in carcere da due settimane – afferma Juri Aparo, psicologo che dalla fine degli anni settanta ha seguito migliaia di carcerati col suo ‘Gruppo della Trasgressione' – come volontario non posso, come operatore a Bollate potrei, ma non ci sono andato perché le attività di gruppo sono sospese. Quelli che mi chiamano, considerandomi alla stregua di un familiare, sono dispiaciuti, ma molto equilibrati, dimostrano di avere cognizione della realtà delle cose. Non posso assicurare che tutti abbiano queste stato d'animo. D'Altra parte se in carcere ci fossero dei casi di coronavirus le cose andrebbero ancora peggio”.

 “I detenuti considerano corrette le prescrizioni – conferma Di Giacomo – meglio così che prendersi il virus. Certo, nel momento  in cui dovesse succedere ci sono anche persone irragionevoli che potrebbero dare vita a una rivolta. A questa eventualità non si è preparati. Al prefetto di Poggioreale ho chiesto di tenere pronto l'esercito. La polizia penitenziaria, in generale, non ha abbastanza uomini e donne per gestire uno scenario del genere”.

L'avvocato Maria Brucale, attivista radicale, ha altre sensazioni: “A Opera viene concessa solo una telefonata in più del normale. Così si ovvia all'interruzione degli affetti? I detenuti sono isolati e spaventati, bisogna aiutarli”. Per rassicurarli, nel carcere di massima sicurezza lombardo vengono portati nel teatro della struttura in gruppi di 150  dove un'équipe di infettivologi spiega le modalità di trasmissione del contagio e i sintomi.

E se il virus dovesse davvero ‘entrare' negli istituti di pena cosa succederebbe? “Sarebbe una possibile tragedia”, dice Maisto, che però rassicura: “Un piano c'è, le zone di isolamento ci sono in tutte le carceri, anche se poi bisogna fare i conti anche con eventuali falle dall'esterno”.