Il piano di Londra per impedire che i russi rubino il grano dall'Ucraina

Maxym Marusenko / NurPhoto / NurPhoto via AFP

AGI - Nuove foto satellitari proverebbero il saccheggio del grano ucraino da parte dei russi,  scrive la Cnn. Le immagini sono state scattate sul porto di Sebastopoli, in Crimea: si vedono due navi portarinfuse battenti bandiera russa che attraccano e caricano quello che potrebbe essere grano ucraino rubato.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di "rubare gradualmente" i prodotti alimentari ucraini e di cercare di venderli. Le nuove immagini di Maxar Technologies, datate 19 e 21 maggio, mostrano le navi - la Matros Pozynich e la Matros Koshka - attraccate accanto a quelli che sembrano essere silos di grano, con il grano che si riversa da un nastro in una stiva aperta.

Secondo il sito di tracciamento navale MarineTraffic.com, entrambe le navi hanno lasciato il porto: la Matros Pozynich sta navigando nel Mar Egeo, affermando di essere diretta a Beirut, mentre la Matros Koshka si trova ancora nel Mar Nero. È difficile sapere con certezza se la nave sia stata caricata con grano ucraino rubato, ma la Crimea, annessa alla Russia, produce poco grano, a differenza delle regioni ucraine di Kherson e Zaporizhzhia, ricche di colture, immediatamente a nord.

Funzionari ucraini e fonti industriali hanno riferito alla Cnn che le forze russe nelle aree occupate hanno svuotato diversi silos e trasportato il grano a sud.

È "assolutamente essenziale" riprendere le esportazioni di grano dall'Ucraina per non rischiare fame e carestia e sono allo studio "tutte le varie opzioni" per realizzare l'operazione, ha detto il ministro dei Trasporti britannico, Grant Shapps, secondo l'agenzia Reuters, aggiungendo di aver avuto diversi incontri la scorsa settimana con la controparte ucraina per capire come realizzare l'obiettivo.

Shapps, ha avvertito che la carestia che innescherà la scarsità di grano e cibo causata dall'invasione dell'Ucraina potrebbe causare più morti che la guerra stessa. Shapps ha reso noto di aver incontrato il suo omologo ucraino Oleksandr Kubrakov in Germania la scorsa settimana per discutere di come affrontare il problema. "Penso che sia assolutamente essenziale, se non si vogliono rischiare fame e persino carestia che renderanno un'inezia i numeri relativi alla guerra stessa".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli