"Il piano A di Savona è un esproprio socialista". Daveri (Bocconi) smonta le proposte del ministro

Giuseppe Colombo

Il piano A di Savona? "È un esproprio del risparmio privato, impossibile da ricevere per chiunque". Francesco Daveri, docente di macroeconomia alla Bocconi, spegne gli entusiasmi del ministro per gli Affari europei che, in un'intervista a La Verità, ha esposto un programma tutto improntato sulla "modalità cicala": usare i 50 miliardi dell'avanzo estero per attivare un piano di investimenti e liberare così risorse utili a coprire i costi di una grande fetta del programma di governo, cioè flat tax, reddito cittadinanza e revisione della legge Fornero.

Gli economisti guardano con grande scetticismo alla soluzione di Savona, ma c'è anche chi, come Stefano Fassina, dà ragione al ministro: "Il professor Savona conferma, ancora una volta, un'impostazione corretta, la sua analisi e le sue proposte sono totalmente condivisibili".

Cosa non convince gli economisti? Il prof. Francesco Daveri, contattato da Huffpost, spiega perché la strada è sbagliata e perché, a maggior ragione, Bruxelles non potrebbe mai accettare un piano simile: "L'avanzo di parte corrente è una cosa che va a finire nelle tasche dei privati e quindi Savona di fatto propone un esproprio privato per finanziare il reddito di cittadinanza e tutto il resto: è un piano socialista". Se Savona volesse comunque andare avanti nonostante abbia ammesso lui stesso che un via libera da Bruxelles è difficile? "Spero che non prendano sul serio questa proposta perché è irricevibile da qualsiasi interlocutore. Che senso ha usare l'avanzo di parte corrente? Che idea di funzionamento ha il ministro dell'economia?". Il ragionamento di Daveri prosegue così: "Quando si parla di avanzo si fa riferimento a un altro conto rispetto alle finanze pubbliche tranne che nei Paesi socialisti dove le imprese sono possedute dallo Stato".

Daniel Gros, direttore del Centre for European Policy Studies (Ceps), bolla le idee di Savona come "vaghe e confuse". "Butta lì un argomento che non ha niente a che fare con la...

Continua a leggere su HuffPost