Il pianto di Williams per il nonno morto prima del suo esordio ai mondiali

Nigel Keene / ProSportsImages / DPPI via AFP

AGI - Alla fine della partita pareggiata con gli Usa, il difensore gallese Neco Williams ha alzato le braccia al cielo in lacrime, poi su Instagram ha rivelato il motivo: aveva esordito nel mondiale in Qatar meno di 24 ore dopo la morte dell'amato nonno che lo seguiva in ogni sua partita.

"La notizia più dura della mia vita me l'ha comunicata mia madre la sera prima della gara", ha raccontato su Instagram il 21enne che gioca in Premier League nel Nottingham Forest, "mio nonno mi ha seguito in tutto il mondo per vedermi giocare fin da quando ho cominciato all'eta' di sei anni al Liverpool", il club in cui Williams è cresciuto.

"Non mi diceva mai se ero stato bravo perché mi esortava a migliorare sempre, ogni giorno, ed è il motivo per cui sono qui oggi", ha dichiarato il difensore gallese che ha dedicato la sua prestazione al nonno che lo avrà guardato "orgoglioso". "Invito tutti a godere del tempo che le persone che amate perché non sapete mai quando vi possono essere portate via", ha aggiunto.

A fine partita i compagni di nazionale lo hanno abbracciato e confortato dopo il pianto liberatorio.