Il Pietrarossa Bellini Festival riporta la musica a Caltanissetta

·1 minuto per la lettura
featured 1480202
featured 1480202

Roma, 23 ago. (askanews) – Un mondo di musica per Caltanissetta. Ci saranno anche i primi fagotti di alcune grandi orchestre internazionali al Pietrarossa Bellini Music Festival, che dal 3 settembre all’11 ottobre invade la provincia nissena; quella Sicilia centrale lontana dalle rotte del turismo di massa.

E’ stato il Conservatorio Vincenzo Bellini di Caltanissetta a ideare il festival che vedrà quattordici concerti cameristici e una serie di masterclass per ogni famiglia orchestrale, animate da prime parti che vengono dai luoghi più illustri della musica internazionale: dai Berliner ai Wiener Philharmoniker alla Chicago Symphony alla Scala al Regio di Torino al Concertgebouw di Amsterdam.

Una vera alleanza culturale. E come dice l’architetto Andrea Milazzo, presidente del Comitato promotore, un festival con la responsabilità etica di ri-alfabetizzare questo territorio al patrimonio musicale, un’azione necessaria ed urgente.

Queste giornate di socializzazione nel nome della musica animeranno i luoghi storici dello splendido territorio nisseno, prima fra tutte il Castello di Pietrarossa, fortezza medievale simbolo della Sicilia normanna.

Il programma dei concerti verrà deciso anche in funzione dell’attività delle masterclass; il Festival diventerà il cuore pulsante del territorio nisseno, dichiara il maestro Angelo Licalsi, direttore dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Vincenzo Bellini e direttore artistico dell’evento.

Ma soprattutto, gli studenti locali e i giovani musicisti in arrivo per le masterclass avranno l’occasione di esibirsi a fianco dei maestri affermati, in questa straordinaria terra dove si fondono le bellezze naturali e le irripetibili testimonianze storiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli