Il pm: "Accertamenti senza guardare in faccia nessuno"

·2 minuto per la lettura
Il pm: "Accertamenti senza guardare in faccia nessuno"
Il pm: "Accertamenti senza guardare in faccia nessuno"

Siracusa, 12 mar. (Adnkronos) – – (dall'inviata Elvira Terranova) – "Fino a questo momento non è emersa alcuna correlazione tra la morte del sottufficiale Paternò e la somministrazione del vaccino AstraZeneca. Noi stiamo facendo tutti gli accertamenti. Senza guardare in faccia nessuno. L’analisi delle ipotesi prende in considerazione tutti i soggetti che potrebbero essere coinvolti nella vicenda, senza escludere nessun livello di responsabilità. Dalla fabbricazione al trasporto, alla consegna fino alla somministrazione del vaccino". A parlare, in una intervista esclusiva all'Adnkronos, è il pm di Siracusa Gaetano Bono che, con la Procuratrice Sabrina Gambino, coordina l'inchiesta sulla morte del secondo caporale scelto Stefano Paternò di 42 anni. Sono quattro le persone iscritte, fino a questo momento, nel registro degli indagati, sono tutte accusate di omicidio colposo. Ma potrebbero aumentare nei prossimi giorni. Tra gli indagati spicca la figura di Lorenzo Wittum, amministratore delegato di AstraZeneva. La Procura parla di "atto dovuto" in vista dell'autopsia che sarà eseguita domani. Tra gli altri ci sono un medico e un infermiere che si sono occupati della somministrazione del vaccino a Paternò. "Le iscrizioni nel registro degli indagati sono avvenute soltanto questa mattina – spiega il pm – perché ho ricevuto alle dieci di ieri sera l'informativa dei Carabinieri del Nas. E soltanto dopo avere letto l'informativa è stato possibile fare le iscrizioni degli indagati".

I carabinieri, come emerge dall'informativa, escludono che ci possano essere stati problemi di conservazione del lotto del vaccino AstraZeneca, "nella linea di trasporto". E ci sarebbero anche le prove. "È tutto tracciato – si evince dalla documentazione fornita al pm – I livelli di temperature del freddo sono stati rispettati".

Il pm ribadisce più volte che "bisogna evitare inutili allarmismi". "Fino a questo momento non è emerso un nesso tra il vaccino e la morte della vittima – dice – dobbiamo aspettare intanto l'autopsia che ci darà un quadro più chiaro". E per questo motivo, la Procura ha nominato un pool di esperti composto da quattro professionisti che parteciperanno all'autopsia che si terrà domani pomeriggio a Catania. Si tratta di uno specialista in medicina legale, uno specialista in ematologia, che ha esperienze nel campo di emostasi e trombosi ("un esperto a livello internazionale", dice il pm, un esperto in tossicologia medica e uno specialista in malattie infettive. "Da qui si dovrebbe sapere qualcosa in più", dice il pm.