Il Pontefice si riaffaccia dal Palazzo Apostolico ed esprime preoccupazione per il popolo ucraino

·2 minuto per la lettura
Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco torna in piazza dopo quasi un mese e inneggia alla vicinanza, perché “non esiste un Cristianesimo a distanza”. Il pontefice mancava dall’appuntamento pubblico dalla finestra del Palazzo Apostolico da molte settimane, con ultimo step del 21 marzo: lo stesso Angelus del 28 marzo lo aveva intonato a fine celebrazione e la messa di Pasqua, pur pubblica, aveva risentito del clima da zona rossa. E oggi ha esordito con un messaggio di incoraggiamento e speranza: “Grazie a Dio possiamo ritrovarci di nuovo in questa piazza per l’appuntamento domenicale e festivo. Io vi dico una cosa: mi manca la piazza quando devo fare l’Angelus in Biblioteca. Sono contento, grazie a Dio! E grazie a voi per la vostra presenza”.

Papa Francesco torna in piazza: da quanto mancava

Bergoglio si era affacciato dal suo studio fino al 20 dicembre 2020, poi era “scomparso” fino al 7 febbraio per riapparire fino al 14 marzo ed al 21. E le sue parole hanno dato bene la cifra di quanto sia difficile essere Buon Pastore a distanza: “Non esiste un cristianesimo a distanza. L’amore chiede la vicinanza, chiede il contatto, la condivisione della vita. Gesù indica ai discepoli e a noi che la relazione con Lui e con i nostri fratelli non può rimanere a distanza”.

Il dolore per la situazione in Ucraina

E Il Papa non ha affatto scordato di mettere in agenda i temi caldi del momento, primo dei quali la difficile e perdurante situazione in Ucraina: “Osservo con inquietudine l’incremento delle attività militari. Per favore, auspico fortemente che si eviti l’aumento della tensione e al contrario si pongano gesti capaci di promuovere la fiducia reciproca e favorire la riconciliazione e la pace, tanto necessarie ma tanto desiderate. Si abbia a cuore anche la grave situazione umanitaria in cui versa quella popolazione alla quale esprimo la mia vicinanza e per la quale vi invito a pregare”. Il papa hapoi chiosato il suo intervento con gli auguri all‘Università Cattolica del Sacro Cuore, di cui oggi 18 aprile si celebrava la giornata.