Il portavoce presidenziale Roque: “Il virus è il nemico, non il governo”

·1 minuto per la lettura
Nuovo lockdown a Manila a partire da lunedì
Nuovo lockdown a Manila a partire da lunedì

Un nuovo lockdown a Manila, capitale delle Filippine, a partire da lunedì. Lo ha annunciato il portavoce presidenziale Harry Roque. Spiegando che è l’unico modo per allentare la pressione sugli ospedali dell’area metropolitana. A Manila infatti si sta registrando una nuova e brusca impennata di contagi, tanto repentina da spingere il governo a varare misure più strette che coinvolgeranno circa 24 milioni di persone, tra città e periferie.

Nuovo lockdown a Manila: ecco perché

Quella di Manila infatti è un’area metropolitana immensa, dove la possibilità che i contagi crescano in maniera esponenziale è concreta, e secondo il governo imminente. Harry Roque ha motivato la decisione dell’esecutivo affermando che “Il virus è il nemico, non il governo”. Il lockdown che entrerà in vigore lunedì durerà una settimana. Si parla di nuove restrizioni che complessivamente riguarderanno un quinto della popolazione del Paese. Nelle Filippine la crescita di contagi covid è dovuta soprattutto alla grande diffusione delle varianti, di cui una “endemica”, con il conseguente aumento della pressione sulle strutture sanitarie.

Le regole e i divieti in vigore

Secondo le nuove regole i cittadini lavoreranno da casa a meno che non si occupino di servizi essenziali. Il rispetto delle regole anti covid nelle Filippine aveva toccato punte parossistiche nel 2020, quando il presidente Duterte aveva addirittura minacciato di far aprire il fuoco sui contravventori. La misura riguarderà anche le aperture delle attività commerciali. Si fermerà il trasporto pubblico e saranno vietati gli assembramenti. In tema di coprifuoco sarà attivo quello notturno dalle 18 alle 5 del mattino.