Il post inedito di Caroline Flack prima del suicidio: "Il mio sangue è stato venduto alla stampa"

Caroline Flack (Photo: GETTY - INSTAGRAM)

“Il mio mondo e il mio futuro sono stati spazzati via”. Sono le parole inedite di Caroline Flack, la presentatrice 40enne trovata morta sabato scorso nella sua casa di Londra.  Lo sfogo, contenuto in un post Instagram mai pubblicato, è stato diffuso ora dalla famiglia della conduttrice, che a breve sarebbe dovuta comparire in tribunale per affrontare il processo in cui era accusata di aver aggredito il dicembre scorso il suo fidanzato, l’ex tennista Lewis Burton. Lo rivela il Daily Mail.

Nel post inedito si fa riferimento alle difficoltà affrontate dalla Flack all’indomani dell’accusa di violenza ai danni di Burton, con cui aveva dovuto interrompere ogni rapporto prima del processo, che sarebbe iniziato nel mese di marzo. La Flack, stando a quanto riferito dalla famiglia, si era assunta la responsabilità di ciò che era accaduto quella notte, pur avendo sempre sostenuto che si fosse trattato di un incidente e che lei non era “un aggressore domestico”.

L’uomo, colpito alla testa con una lampada aveva riportato una ferita profonda. La Flack era stata arrestata. Di conseguenza aveva dovuto lasciare ad una collega la conduzione del popolare Love Island. La conduttrice, prima del gesto estremo, avrebbe detto: “Abbiamo avuto una discussione e c’è stato un incidente. Qualcuno ha venduto il mio sangue alla stampa: si trattava di qualcosa di molto triste e di molto personale”.

“Carrie ci ha inviato questo messaggio alla fine di gennaio, ma le è stato detto di non pubblicarlo dai suoi consulenti. Lei avrebbe tanto voluto far sentire la sua voce”, ha detto la famiglia della 40enne.

La madre della Flack ha aggiunto: “Sono circolate così tante falsità su mia figlia, ma è così che lei si sentiva davvero. Io e la mia famiglia vorremmo che le persone leggessero le sue parole. Carrie era circondata da amore e amici, ma questo era troppo per lei”.

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.