Prefetto condannato per complicità nel genocidio in Ruanda

La Corte di assise di Parigi ha condannato a 20 anni di reclusione un ex alto funzionario ruandese accusato di essere stato complice durante il genocidio del 1994.

Laurent Bucyibaruta, questo il nome del colpevole, è il ruandese di più alto rango ad aver affrontato un processo in Francia per gli eccidi che portarono alla morte di 800 mila Tutsi e Hutu in 100 giorni di uccisioni di massa tra aprile e luglio 1994. In quei mesi Bucyibaruta era prefetto in una località nel Sud del Ruanda e convinse migliaia di persone a rifugiarsi in una scuola tecnica della città di Murambi che si fidarono della sua promessa di protezione prima di venire giustiziati. Si stima che 50 mila persone furono trucidate in quell'evento. Assolto come autore del genocidio, il 78enne è stato giudicato per il suo ruolo in quattro massacri.

Nel 2021 la Francia ha aperto gli archivi sulla storia del genocidio del Ruanda, garantendo l'accesso a numerosi documenti, in particolare telegrammi e note confidenziali, che potrebbero chiarire il ruolo della Francia durante la vicenda.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli