Il premier giapponese Suga getta la spugna: non si ricandida

·1 minuto per la lettura
featured 1495825
featured 1495825

Roma, 3 set. (askanews) – Il premier giapponese Yoshihide Suga getta la spugna: ha annunciato che non si ricandiderà come leader del suo partito liberal democratico, per cui si vota il 29 settembre. Di fatto questo significa che non si candida per le elezioni politiche che si terranno in novembre.

L’annuncio, giunto a margine di un incontro con il presidente del comitato paralimpico Andrew Parsons, apre la corsa alla leadership e ha colto il Giappone e i mercati di sorpresa; rischia di gettare il paese in un nuovo ciclo di instabilità. Suga è al governo da appena un anno; prese il posto del collega di partito Shinzo Abe, dimessosi per motivi di salute.

Una decisione probabilmente dovuta ai sondaggi che indicano il crollo della popolarità di Suga, meno del 32% di approvazione popolare; a pesare la gestione della pandemia. Il Giappone sta lottando contro la quinta ondata sospinta dalla variante Delta, e alcune zone sono in lockdown da quasi un anno; la campagna di vaccinazione è stata lenta, solo il 43% dei giapponesi ha ricevuto una doppia dose. Il paese ha avuto in tutto sedicimila vittime da coronavirus.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli