Il premier Johnson dà l’annuncio su roadmap e allentamenti: "I test regolari sono importanti"

·2 minuto per la lettura
Annuncio di governo e premier Johnson
Annuncio di governo e premier Johnson

Nel Regno Unito tamponi gratis due volte a settimana, il tutto mentre il premier Boris Johnson dà l’annuncio su roadmap e allentamenti. Il governo britannico ha annunciato l’iniziativa e la sua data di decorrenza: venerdì 9 aprile. A partire da quel giorno verranno effettuati tamponi gratis due volte a settimana per tutti i cittadini del Regno Unito. E dal numero 10 di Dowing Street è stata diramata una nota ulteriore e ad integrazione di quella dell’esecutivo britannico.

Nel Regno Unito tamponi gratis e nuovi centri

Nel documento del governo si spiega che in aggiunta alle scuole ed ai posti di lavoro in futuro saranno allestiti nuovi centri per condurre i test rapidi anti covid. Il che in termini pratici significa che chiunque potrà essere sottoposto a tampone, con il risultato atteso in 30 minuti, anche in assenza di sintomi. E Boris Johnson ha voluto fare il punto anche sugli aspetti più “strategici” delle efficacissima lotta al virus nel Regno Unito.

Johnson: “Quei test sono molto importanti”

Lo ha fatto con precise dichiarazioni: “Mentre continuiamo a fare buoni progressi nel nostro programma di vaccinazione e procede la roadmap per allentare cautamente le restrizioni, test rapidi regolari sono anche più importanti per assicurare che i nostri sforzi non vadano sprecati”. Lo scopo è arginare il virus su due fronti, non solo cioè restringendo il suo “campo di azione” con una campagna vaccinale monstre, ma anche monitorando tutti i possibili ambiti di riattecchimento.

I dati che danno ragione al premier

E per fare questo è necessario monitorare con i tamponi ed in maniera costante l’intera popolazione, non solo i (relativamente pochi) sintomatici. E i dati sembrano dare ragione al di là di ogni dubbio alle politiche adottate nel Regno Unito contro la pandemia e per caute riaperture. In Gran Bretagna sono state somministrate finora 37 milioni di dosi di vaccino anti-Covid. In tutto le prime dosi sono 31,5 milioni mentre sono 5,4 milioni le seconde dosi.