Il Premio Nobel per la Medicina vinto con i finanziamenti dell'Ue

AGI - Il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina è stato assegnato quest'anno a Svante Paabo "per le sue scoperte riguardanti i genomi degli ominidi estinti e l'evoluzione umana". Lo ha reso noto l'Accademia dei Nobel del Karolinska Institute a Stoccolma.

Paabo, 67 anni, svedese, è stato premiato per aver sequenziato il genoma dell'uomo di Neanderthal e di fatto aver fondato la paleogenomica. Con le sue pioneristiche scoperte, "rivelando le differenze genetiche che distinguono tutti gli esseri umani viventi dagli ominidi estinti, le sue scoperte hanno fornito la base per esplorare ciò che rende noi esseri umani così unici", ha spiegato la giuria.

GUARDA ANCHE: Premio Nobel per la Fisica 2021: assegnato all’italiano Giorgio Parisi

Paabo è stato finanziato dall'Ue per un decennio attraverso il Consiglio europeo della ricerca (Erc). "Considerato uno dei fondatori della paleogenetica, Svante Paabo, direttore del Dipartimento di genetica del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia, in Germania, ha ricevuto il suo primo Erc Advanced Grant nel 2008 per studiare l'evoluzione genomica e fenotipica dei bonobo , scimpanze' e umani. Nel 2015, ha vinto un altro Erc Advanced Grant per studiare le sequenze del genoma di ominidi estinti", rende noto la Commissione europea. "Quest'ultimo progetto integra nuovi approcci in biologia molecolare, antropologia fisica e bioinformatica per svolgere ricerche genetiche sulle popolazioni in un arco di tempo e in un'area geografica eccezionali. L'obiettivo generale è quello di spiegare la storia della popolazione di Neanderthal e di altri gruppi antichi e di far progredire la comprensione della prima evoluzione umana, che va dalle osservazioni aneddotiche a una visione più basata sulla popolazione dell'ascendenza umana", spiega l'esecutivo europeo.

LEGGI ANCHE: Premio Nobel per la fisica all'italiano Giorgio Parisi: ecco chi è

Nel 2008 nella Denisova fu scoperto un frammento di un osso di un dito di 40.000 anni fa in una grotta nella parte meridionale della Siberia. L'osso conteneva DNA eccezionalmente ben conservato,
che la squadra di Paabo sequenziò con risultati che fecero scalpore: la sequenza del DNA era unica rispetto a tutte le sequenze conosciute dei Neanderthal e degli uomini moderni. Paabo aveva scoperto un ominide sconosciuto cui era stato dato nome Denisova.

Confronti con sequenze di esseri umani moderni provenienti da diverse parti del mondo ha mostrato quale era stato il flusso genico da Denisova all'Homo sapiens.

Le scoperte di Paabo hanno generato una nuova comprensione della nostra storia evolutiva. Al momento in cui l'Homo sapiens migrò fuori dall'Africa, almeno due popolazioni di ominidi poi estinte avevano abitato
l'Eurasia
.

I Neanderthal vivevano nell'Eurasia occidentale, mentre i Denisoviani vivevano nelle regioni orientali del continente. Durante l'espansione fuori dall'Africa e la loro migrazione verso est, i Sapiens incontrarono e si incrociarono sono solo con i Neanderthal, ma anche con Denisovani.

— The Nobel Prize (@NobelPrize) October 3, 2022WATCH LIVE: Join us for the 2022 Nobel Prize in Physiology or Medicine announcement.

Hear the breaking news first – see the live coverage from 11:30 CEST.

Where are you watching from?#NobelPrize https://t.co/hEreneWPN5