Il Premio Strega a "La ragazza con la Leica" di Helena Janeczek

Red/Sav

Roma, 6 lug. (askanews) - Helena Janeczek con il romanzo La ragazza con la Leica, (Guanda), ha vinto la LXXII edizione del Premio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega con il contributo della Camera di Commercio di Roma e in collaborazione con BPER Banca e Fuis (Federazione Unitaria Italiana Scrittori).

Come da tradizione gli Amici della domenica si sono riuniti ieri sera nel giardino del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma, dove Paolo Cognetti, vincitore del Premio Strega 2017, ha presieduto il seggio di voto. La somma dei voti elettronici e delle schede cartacee ha portato alla vittoria il romanzo di Helena Janeczek, La ragazza con la Leica, (Guanda) con 196 voti. Il romanzo è incentrato sulla figura della giovanissima Gerda Taro Pohorylle, fotografa tedesca, compagna del più noto fotoreporter ungherese Robert Capa, morta in Spagna a soli ventisette anni, il 26 luglio 1937, sotto i cingoli di un carro armato.

Secondo classificato Marco Balzano con Resto qui, (Einaudi), 144 voti; seguono Sandra Petrignani con La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg, (Neri Pozza) con 101 voti; Carlo D'Amicis con Il gioco, (Mondadori) con 57 voti; e Lia Levi con Questa sera è già domani, (Edizioni e/o) con 55 voti; per un totale di 554 voti espressi.

Il risultato comprende i voti dei 400 Amici della domenica, di 40 lettori forti selezionati da librerie indipendenti italiane associate all'ALI e di 20 voti collettivi provenienti da scuole università e da circoli di lettura, in particolare delle Biblioteche di Roma, cui si sono aggiunti, dallo scorso anno, 200 voti espressi da studiosi, traduttori e intellettuali italiani e stranieri selezionati da 20 Istituti Italiani di cultura all'estero, per un totale di 660 aventi diritto.