Il Presidente del Consiglio ha annunciato i primi contributi per le aziende

·2 minuto per la lettura
Conte bonifici imprese
Conte bonifici imprese

A soli nove giorni dall’entrata in vigore del primo decreto-legge “Ristori” oltre 211mila imprese italiane beneficeranno dei primi contributi a fondo perduto predisposti dal Governo. A dichiararlo è il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Un intervento quello del Capo del Governo volto a dare delle risposte celeri e rapide a delle aziende che durante questa seconda ondata hanno particolarmente sofferto. Ecco dunque che sulle casse di moltissime aziende dislocate sul territorio nazionale saranno erogati circa un miliardo di Euro destinati a tutte quelle attività economiche interessate dai provvedimenti restrittivi entrati in vigore con il Dpcm dello scorso 24 ottobre.

Conte, arrivano i primi bonifici per le imprese

“All’inizio della prossima settimana oltre 211 mila imprese vedranno accreditati, direttamente sul proprio conto corrente, i primi bonifici dei contributi a fondo perduto predisposti dal Governo. Dopo soli nove giorni dall’emanazione del primo decreto-legge “Ristori”. Lo ha annunciato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel suo ultimo intervento rilasciato sul social network Facebook.

Il capo del Governo ha poi proseguito evidenziando come i primi bonifici arriveranno in tempi comunque brevi. Anzi Conte ha annunciato che si sta lavorando per un Ristori bis: “Ancora prima dei tempi che avevamo previsto, l’Agenzia delle Entrate ha già disposto infatti i primi mandati di pagamento per un ammontare di quasi 1 miliardo di euro, per le attività economiche e produttive interessate dalle misure restrittive adottate con il Dpcm del 24 ottobre”.

In altre parole il fine del decreto Ristori bis è quello di rafforzare la rete di aiuti destinati alle imprese così come dichiarato dal Presidente del Consiglio. “In una fase così critica della nostra storia, che ci vede tutti impegnati a combattere la nuova avanzata del contagio, dare un aiuto concreto e immediato a chi è in difficoltà è necessario per proteggere il nostro presente e il nostro futuro. È un impegno che ho preso di fronte a tutto il Paese, a tutti i cittadini italiani. Tutto il Governo è al lavoro per questo. Proprio in queste ore, inoltre, stiamo finalizzando anche il decreto “Ristori bis”, con cui rafforziamo la rete di protezione e di sostegno per tutte le attività economiche che si trovano nelle zone a maggior rischio, alla luce delle nuove misure adottate con l’ultimo Dpcm.
Dobbiamo fare tutto ciò che è necessario, con rapidità ed efficacia, per riuscire tutti insieme a superare al più presto questa crisi”.