Il presidente dell’Iss lo ha ipotizzato durante la consueta conferenza stampa sull’andamento del virus

·2 minuto per la lettura
Il professor Silvio Brusaferro
Il professor Silvio Brusaferro

Il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro lascia intravedere la possibilità: “Con l’influenza stagionale forse un vaccino unico”. Il presidente dell’Iss lo ha ipotizzato durante la consueta conferenza stampa sull’andamento del virus e ha detto: “Il ministero della Salute sta studiando con l’Agenzia italiana del farmaco la possibilità della co-somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid e dell’antinfluenzale. Può essere una una possibilità che viene offerta per facilitare la somministrazione e per il successo di una doppia campagna vaccinale. È ancora allo studio ma molto rapidamente arriveremo a una soluzione”.

Brusaferro sulla curva Covid-19 in Italia: gli ultimi dati sono confortanti

Tutto questo sulla scorta di dati che paiono confortanti: i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore sono stati 3.405 a fronte dei 3.804 del giorno prima. Le vittime in un giorno sono state invece 52 una in più di ieri. E poi 293.469 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia con un tasso di positività stabile all’1,2%. Sono 429 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 11 in meno dello screening precedente. Gli ingressi giornalieri sono stati 20. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.118, ovvero 87 in meno della precedente rilevazione.

“Italia fra i paesi migliori in Europa”: lo dice Brusaferro sulla curva Covid-19

E in sede di conferenza stampa Brusaferro ha commentato: “L’Italia si conferma con una curva tra le più contenute in Europa in termini di incidenza. Continua il decremento nella circolazione del virus e nel numero dei casi. Il decremento si registra anche nelle fasce d’età più giovani”. Poi il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità ha spiegato: “L’età media dei nuovi casi è di 38 anni e continua il decremento dell’incidenza nelle fasce sopra i 20 anni mentre rimane stabile l’incidenza dei casi sotto i 12 anni. Sostanzialmente quella dell’età pediatrica è una situazione stabile“.

Silvio Brusaferro, le scuole e la curva Covid-19 in Italia: “Standard omogenei per tracciare i contagi”

E ancora: “L’obiettivo è stato riprendere l’attività scolastica con tutte le misure per garantire una scuola in presenza. Si tratta di capire in caso di positività chi sono i contatti stretti dei positivi e in questo senso c’è un lavoro fatto con regioni e ministero che sta cercando di individuare standard omogenei da applicare sul territorio”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli