Il presidente dell’Ucraina annuncia che la battaglia finale per il Donbass è in atto

·1 minuto per la lettura
Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky

L’annuncio di Volodymyr Zelensky non giunge inaspettato ma non per questo è meno drammatico: “La grande offensiva russa ad est è cominciata”. Il presidente dell’Ucraina ha infatti annunciato che la battaglia finale per il Donbass è in atto. Ha spiegato Zelensky sul suo account Telegram: “Possiamo ora affermare che le truppe russe hanno iniziato la battaglia per il Donbass, per la quale si stavano preparando da tempo. Una grande parte dell’esercito russo è ormai consacrato a questa offensiva”.

Cominciata l’offensiva russa ad est

E ancora: “Non importa quanti soldati i russi hanno portato, noi combatteremo. Noi ci difenderemo. Sono grato a tutti i nostri combattenti, a tutte le nostre città eroiche nel Donbass, a Mariupol, così come alle città della regione di Kharkiv che si difendono, che difendono il destino di tutta l’Ucraina, frenando le forze degli invasori”.

Il pensiero a tutte le città nella morsa

Il pensiero di Zelensky è andato poi alle città di “Rubizhne, Popasna, Zolote, Lysychansk, Severodonetsk, Kramatorsk, ed a tutti coloro che sono stati con l’Ucraina in tutti questi anni e per sempre”. Sulla richiesta di armi Zelensky non demorde perché per lui “ogni ritardo nelle forniture come un permesso alla Russia per uccidere. Circa 5.000 bambini sono stati deportati dalla regione di Mariupol in Russia dall’inizio dell’invasione russa”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli