Il presidente di Confindustriaa "Mezz'ora in più" parla del nuovo Dpcm

·1 minuto per la lettura
Dpcm-Covid, Carlo Bonomi: “Non si capisce dove stiamo andando”
Dpcm-Covid, Carlo Bonomi: “Non si capisce dove stiamo andando”

Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ha commentato a Mezz’ora in più su Rai 3 il nuovo Dpcm anti-Covid annunciato nella giornata di domenica 25 marzo dal Presidente Giuseppe Conte. “Faccio fatica a capire quale sia la direzione – ha dichiarato -. Non si capisce dove stiamo andando”.

Carlo Bonomi su novo Dpcm-Covid

Bonomi ha poi parlato di tutti quegli esercizi che verranno chiusi fino al 24 novembre. “Il tema non è la palestra – spiega il Presidente di Confindustria -. Il tema è che noi certe cose le dicevamo ad aprile. Dicevamo che il Tpl era uno dei grandi problemi. Adesso siamo ancora qua fermi. Ci siamo fatti cogliere impreparati e questa volta lo sapevamo”.

In seguito qualche parola sugli aiuti annunciati dal Governo per i settori che, con le restrizioni, saranno in difficoltà. Bonomi dichiara: “Credo che quello dei ristori sia un tema importante ma anche qui manca la trasparenza: ci sono persone che da maggio aspettano la cassa integrazione ed è su questo che gli italiani perdono la fiducia. Siamo in una situazione in cui ancora si discute se prendere il mes o no, e questo non si può più ascoltare”.

Infine il leader degli industriali ha lamentato la totale mancanza di coinvolgimento dei Sindacati. “Penso che il governo debba ascoltare di più le parti sociali. Il governo deve cambiare metodo”. Siamo in “un momento difficile e dobbiamo unirci”, ha detto. “C’è un disagio sociale e non possiamo non tenerne conto”.

Il Presidente di Confindustria ha anche parlato di quello che potrebbe succedere all’economia della Nazione in caso di un nuovo lockdown. “Il Pil potrebbe calare fino al 12%”, dice.