Il presidente francese dice la sua durante un intermezzo dei i lavori del Consiglio europeo

·2 minuto per la lettura
Il presidente francese Macron
Il presidente francese Macron

Sulla questione del Ddl Zan il presidente francese Emmanuel Macron non ha saputo resistere ed ha scodellato tutto lo starter pack di uno stato “laicissimo” come quello che guida, sottolineando però che da parte di Mario Draghi c’è stato il giusto approccio, “in Francia è così da tanto tempo”. Scontato ma ci sta, soprattutto se la domanda viene posta al volo in una delle pieghe del Consiglio Europeo. Il capo dell’Eliseo è stato infatti intercettato proprio durante il summit istituzionale che fa cardine tra l’altro sui delicati rapporti fra Ue e Russia.

Ddl Zan, Macron: “Da Draghi giusto approccio, noi siamo secolari e laici da sempre”

E la domanda sui rapporti fra Vaticano ed Italia è arrivata a “condire” un intermezzo del consiglio, fa sapere il Sole 24 Ore. L’eco della questione legata al Concordato ed alle presunte “ingerenze” della Chiesa in materia di legiferati prog è giunto anche in Francia, e Macron ha detto la sua: “Quello che posso dire è che l’approccio dell’esecutivo italiano è giusto. La Francia è uno Stato secolare e laico da molto tempo, in Francia decide sempre il governo”. Questo il sunto della risposta del presidente francese.

Ddl Zan, Macron: “Da Draghi giusto approccio”. Cosa aveva detto il premier

Pochi giorni fa, in Parlamento, il premier Draghi, che è un cattolico convinto, aveva messo i più ferrei puntini sulle i sul tema, e aveva detto: “Il nostro è uno Stato laico, non è uno Stato confessionale. Il Parlamento è certamente libero di discutere e non solo. Il nostro ordinamento contiene tutte le garanzie per cui ogni norma approvata dal Parlamento rispetta i requisiti costituzionali e gli impegni internazionali, fra cui il Concordato con la Chiesa. Ci sono controlli preventivi nelle commissioni parlamentari. Ci sono controlli successivi nella Corte costituzionale”.

Ddl Zan, Macron: “Da Draghi giusto approccio, decide il Governo”

Insomma, sia pur dall’interno di una nazione che a differenza della Francia il suo laicismo se lo è dovuto conquistare, Draghi aveva fatto i compiti. E Macron ha proseguito: “Guardate, in Francia funziona così: decide il Governo, io vengo da un Paese che è uno stato laico e secolare non da oggi, da parecchi secoli”. Tutto questo prima di raggiungere palazzo Justus Lipsius per la seconda giornata di lavori del vertice europeo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli