Il presidente tunisino ha licenziato il premier e congelato il Parlamento

·1 minuto per la lettura

AGI - Il presidente tunisino, Kais Saied, ha annunciato di aver deciso di congelare l'attività del Parlamento, sospendere l'immunità di tutti i parlamentari e licenziare il primo ministro, Hicham Mechichi, in seguito alle forti proteste contro il governo svoltesi nelle strade del Paese. Saied ha comunicato che assumerà la guida del potere esecutivo con la collaborazione di un nuovo primo ministro. 

Poco dopo l'annuncio i clacson hanno suonato per Tunisi e la popolazione si è riversata nelle strade per festeggiare. Nel pomeriggio i manifestanti si erano raccolti davanti al Parlamento per chiederne lo scioglimento.

"La Costituzione non consente lo scioglimento del Parlamento ma consente il congelamento delle sue attivita'", ha dichiarato Saied, invocando l'articolo 80 che consente questo tipo di misure in caso di "pericolo imminente". Dopo una riunione d'emergenza nel sobborgo di Cartagine, Saied ha comunicato di essere ora responsabile del potere esecutivo, con "l'aiuto del governo" che sarà guidato da un nuovo capo da lui nominato.

Diverse migliaia di tunisini hanno manifestato oggi, festa della Repubblica, contro i partiti al governo, in particolare contro la formazione islamista Ennahdha, le cui sedi sono state prese di mira. Da diversi giorni su Facebook circolavano appelli a scendere in piazza, a opera di gruppi non identificati. I dimostranti avevano chiesto inoltre una modifica alla Costituzione e un periodo di transizione gestito dall'esercito, pur mantenendo Saied come capo dello Stato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli