Il presidente Usa conferma la morte del numero due di Al Qaeda-Daesh ed elenca le sue efferatezze

Il dottor Al Zawahiri
Il dottor Al Zawahiri

Dopo l’uccisione di Al Zawahiri in un raid di Cia e team Six dei Seal a Kabul parla Joe Biden e dice: “Giustizia è fatta”. Il presidente Usa conferma la morte del numero due di Al Qaeda-Daesh ed elenca le sue efferatezze. Ha detto Biden: “Giustizia è fatta, questo leader terroristico non c’è più“. Dal balcone della Casa Bianca il presidente degli Stati Uniti ha annunciato con le elezioni di midterm ben in testa: “Miei concittadini americani, sabato, su mio ordine, gli Stati Uniti hanno concluso un raid aereo a Kabul, nel quale è stato ucciso l’emiro di al Qaeda”.

Sull’uccisione di Al Zawahiri parla Joe Biden

E ancora: “Al Zawahiri era il numero due di bin Laden, il suo vice al momento degli attacchi dell’11 settembre, era profondamente coinvolto nella pianificazione dell’11 settembre, uno dei maggiori responsabili per gli attacchi che hanno ucciso 2.977 persone sul suolo americano”. In merito al ruolo del medico egiziano Biden ha poi rammentato i video di cui fu protagonista nei quali incitava ad attaccare l’America ed i suoi alleati. Poi in chiosa: “Adesso è stata fatta giustizia, questo leader terroristico non c’è più. La gente nel mondo non deve avere più paura di questo leader feroce e determinato”.

“Non importa quando e dove, noi vi troveremo”

“Gli Stati Uniti continuano a dimostrare la loro determinazione e capacità di difendere il popolo americano contro coloro che vogliono colpirci“. Da Daesh sono arrivate proteste perché l’uccisione di Al Zawahiri violerebbe gli accordi di Doha, ma Biden ha detto: “Abbiamo reso chiaro che non importa quanto ci vuole, non importa dove vi nascondete, se siete una minaccia al nostro popolo, gli Stati Uniti vi troveranno ed elimineranno“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli