Il prete: "Mi sono innamorato, lascio la Chiesa"

·2 minuto per la lettura
Don Riccardo lascia la Chiesa:
Don Riccardo lascia la Chiesa:

“Mi sono innamorato di una donna, lascio la Chiesa“: l’annuncio di un prete di Perugia durante la messa domenicale.

GUARDA ANCHE - Meghan Markle non sarà ai funerali del Principe Filippo, ecco il motivo

Prete si innamora e lascia la Chiesa

Perugia: Don Riccardo Ceccobelli, parroco dell’Unità parrocchiale di San Felice di Massa Martana, ha deciso di lasciare le vesti talari dopo essersi innamorato di una donna. Ad annunciarlo, durante la messa di domeinca 11 aprile, sono stati il vescovo, monsignor Gualtieri Sigismondi, e il sacerdote stesso.

Don Riccardo, che ha 42 anni ed è sacerdote da nove, ha chiesto al Papa la dispensa dal celibato sacerdotale e quindi la riduzione allo stato laicale.

L’annuncio del monsignor Sigismondi e di Don Riccardo

L’annuncio del monsignor Sigismondi ai fedeli: “La ragione della mia presenza in mezzo a voi, oggi è quella di dirvi ‘a viso aperto’ che don Riccardo Ceccobelli ha manifestato il desiderio di domandare al Santo Padre la grazia della dispensa dagli obblighi del celibato, perciò ha chiesto di essere dimesso dallo stato clericale e dispensato dagli oneri connessi alla Sacra Ordinazione. Pertanto, in via cautelare, viene sospeso dalla guida dell’Unità pastorale di ‘San Felice’ in Massa Martana. Le motivazioni della sua scelta sarà lui stesso, se vorrà, a presentarle”.

E così è stato. Poco dopo è stato lo stesso Don Riccardo a prendere la parola e a spiegare le ragioni della sua scelta: “Amo e rispetto la Chiesa. Non posso non continuare ad essere coerente, trasparente e corretto con essa come finora sono sempre stato. Il mio cuore è innamorato seppure non abbia mai avuto modo di trasgredire le promesse che ho fatto; voglio provare a vivere quest’amore senza sublimarlo, senza allontanarlo”.

Alla fine, Don Riccardo ha sottolineato nuovamente la sua volontà di rimettersi totalmente al giudizio della Chiesa, ringraziando tutti i fedeli che negli ultimi sei anni, trascorsi in Umbria, hanno collaborato con lui nelle attività parrocchiali.