Il primo provvedimento fiscale della Meloni: maxi condono delle cartelle esattoriali medio-basse

Pace fiscale, quali sono le cartelle esattoriali che verranno cancellate dal governo Meloni
Pace fiscale, quali sono le cartelle esattoriali che verranno cancellate dal governo Meloni

Quello che sarà il primo atto fiscale del nuovo Governo Meloni sarà, con tutta probabilità un maxi condono per tutte le cartelle esattoriali dal valore economico medio basso. Molte della cartelle in esame sono ormai inesigibili, o dal valore più basso rispetto al costo di riscossione quindi ormai non convenienti per lo Stato, e solo dopo averle smaltite si potrà procedere ad una vera riforma fiscale.

Le cartelle esattoriali cancellate dal governo Meloni

Il maxi condono in questione riguarderà le cartelle esattoriali che hanno un valore inferiore ai mille euro, sono ormai soldi sostanzialmente persi dallo Stato, ormai inesigibili o non convenienti da riscuotere. Bisognerà capire nel frattempo, come sopperire alle mancate entrate ed in special modo come fare si che questo non accada più.

Sulla questione, la Lega vorrebbe aumentare ulteriormente gli aiuti con uno sconto ancora più importante: fino a 2500 euro per chi si trova in difficoltà, un versamento del 20% della quota ed uno stralcio del restante 80%. In pratica in questo modo si pagarebbe una tantum un quinto dell’importo della cartella esattoriale, il resto sarà cancellato in maniera definitiva.

Per quanto riguarda gli importi superiori quota 2500 euro, sempre la Lega ha proposto una maxi rateizzazione per la durata di cinque anni con una maggiorazione del 5% sul valore della cartella.