Il programma di Giancarlo Magalli non va in onda e lui si sfoga: "Mai vista una programmazione così"

·1 minuto per la lettura
Giancarlo Magalli programma
Giancarlo Magalli programma

Con un post su Facebook, Giancarlo Magalli si è sfogato per la mancata messa in onda del suo programma Una parola di troppo.

Giancarlo Magalli si sfoga sui social: “Non ho parole. Mai vista una programmazione così schizofrenica in 40 anni”

“Mi vergogno a dirlo, anche se non è colpa mia, ma oggi Una parola di troppo non ci sarà, domani nemmeno, lunedì sì e forse martedì no. Non ho parole. Non ho mai visto in 40 anni una programmazione così schizofrenica. Scusate”, ha scritto il conduttore sul suo profilo giovedì 25 novembre.

Giancarlo Magalli si sfoga sui social: molti i messaggi di sostegno arrivati

Molti personaggi del mondo dello spettacolo e giornalisti Rai hanno espresso la propria solidarietà a Giancarlo Magalli.

“E perché??”, ha semplicamente chiesto l’attore Giampiero Ingrassia.

“Caro Giancarlo, hai tutta la mia solidarietà. Non dico altro perché ho già pagato abbastanza sulla mia pelle il dissenso in tanti anni di Rai”, ha scritto l’ex giornalista del Tg1 Attilio Romita.

“Se non avessi lavorato in Rai 28 anni mi meraviglierei”, ha invece commentato l’ex vicedirettore di Rai 2 Gian Stefano Spoto.

“Io l’ho visto già con alcuni spazi di mia competenza”, ha aggiunto il giornalista Rai Leonardo Metalli.

Giancarlo Magalli si sfoga sui social: cos’è Una parola di troppo

Una parola di troppo è un gioco in tre round basato sulla conoscenza della lingua italiana, in onda su Rai 2 dal lunedì al giovedì alle 17.15.

Leggi anche: Ilary Blasi in Lapponia, quanto costa una notte nel villaggio di igloo?

Leggi anche: Un Professore, le anticipazioni della quinta puntata: la foto di Dante che inquieta Simone

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli