Il promoter Mimmo D’Alesandro: “Stiamo lavorando da mesi per spostarlo a settembre”

·1 minuto per la lettura
Francesco De Gregori
Francesco De Gregori

Il Lucca Summer Festival pronto a riaprire con 6mila spettatori e con nuove date più “modellate” sul progressivo calo di contagi covid, di specifiche restrizioni e pericolo. L’annuncio lo ha dato all’Ansa il promoter Mimmo D’Alessandro, della D’Alessandro e Galli. E di annuncio importantissimo si tratta, a contare la rilevanza assoluta della kermesse musicale in questione: “Già da mesi lavoriamo a un protocollo per aprire sotto le Mura a 6mila spettatori, ovvero il 10% di concerti come quello che abbiamo ospitato dei Rolling Stones nel 2017 con 60mila persone”.

Lucca Summer Festival pronto a riaprire con gli italiani

D’Alessandro ha poi aggiunto, in termini di tempistica e anticipazioni: “Insieme a Ferdinando Salzano di F&P stiamo lavorando per spostare il Summer Festival da luglio a settembre, invitando i big italiani”. E di big di livello altissimo si tratta, secondo quanto riferito da D’Alessandro: “Da Claudio Baglioni a Francesco De Gregori, da Zucchero ad Antonello Venditti: 8-10 date nella prima metà di settembre”. Ovviamente per un progetto così, articolato, bello e ambizioso dopo la bufera covid serviva un protocollo preciso e con esso degli inderogabili step burocratici.

Il protocollo per riaprire in sicurezza

E infatti il protocollo per il Lucca Summer Festival è stato già presentato alle autorità locali. Quel piano operativo prevede pubblico seduto, distanziamento, igienizzazione, obbligo di mascherina, ingressi e uscite separati. E D’Alessandro poi chiosa: “Il nostro è un festival internazionale, ma siamo felici di aprire agli italiani. C’è entusiasmo, come se fosse il primo concerto. Il ritorno ai live è una grande soddisfazione dopo mesi di lavoro e di confronto anche con il ministro”.