Il prossimo esecutivo tedesco che uscirà dalle elezioni determinerà la politica europea?

·2 minuto per la lettura

Le elezioni tedesche cambieranno le dinamiche sulla battaglia politica attorno allo stato di diritto europeo con Ungheria e Polonia? Questa è la domanda che molti politici si pongono in Europa centrale e orientale. Le questioni dell'UE non sono state in cima all'agenda della campagna in Germania. Ma i socialdemocratici tedeschi (SPD) e i Verdi hanno chiarito che se formerano un governo di coalizione tirerà una brutta aria per i populisti.

Sergey Lagodinsky, eurodeputato tedesco, Verdi/ALE: “Il fatto che i socialdemocratici o i verdi facciano parte del nuovo governo cambierà le dinamiche. Penso anche che i democristiani con un volto nuovo saranno più sotto pressione per essere più attivi e più chiari su quel fronte. Almeno come rappresentante dei Verdi posso assicurare che, essendo ipoteticamente parte del nuovo governo, affronteremo sicuramente questo argomento in modo più assertivo".

Per diversi anni, la Polonia e l'Ungheria sono state soggette a regimi di sanzioni europee per violazione dei valori dell'UE. Entrambi i governi sono stati criticati per l'erosione della democrazia, della libertà di stampa e per le politiche anti-LGBTi.

Parlando con Euronews al Forum di Budapest, il sindaco di Varsavia ha avuto un messaggio per il prossimo Cancelliere. Rafał Kazimierz Trzaskowski, sindaco di Varsavia: "Spero che chiunque vinca in Germania si comporti allo stesso modo e sia un convinto sostenitore dello stato di diritto. Se vorranno mantenere l'Unione europea quello che è: un club di 27 Stati membri. E spero che qualunque partito vinca discuterà con tutti i governi che ora stanno guidando alcuni dei nostri Paesi. Dobbiamo fare le cose insieme".

Mentre Berlino e Bruxelles potrebbero esercitare maggiore pressione sui populisti per isolarli, il vero cambiamento verrà dal basso.

Dice Dr. Ellen Ueberschär, Copresidente, Fondazione Heinrich Böll:

“Orban è isolato in questo momento, direi più che mai. E questo processo dovrebbe andare avanti. Dovremmo usare il meccanismo dello stato di diritto, dovremmo andare avanti con la cosa dell'articolo 7, e questo insieme al potenziamento delle forze democratiche, questo ha uno sviluppo da entrambi i lati. Voglio dire, l'Unione Europea non può rovesciare Orbán. Questo devono fare gli ungheresi".

La disgregazione vera o presunta dell'UE e le battaglie per lo stato di diritto non sono i titoli della campagna elettorale tedesca. Per ungheresi e cittadini polacchi, che si tratti di governo o di opposizione - il prossimo esecutivo tedesco in Germania potrebbe comunque determinare i loro destino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli