Il punto sull'emergenza del consigliere del ministro Speranza

·2 minuto per la lettura
covid ricciardi ricoveri
covid ricciardi ricoveri

Il consigliere del ministero della Salute, Walter Ricciardi, ha fornito un’analisi dell’attuale stato dell’emergenza covid nel corso del suo intervento ad Agorà, su RaiTre. Per il docente di Igiene all’università Cattolica i “prossimi mesi saranno terribili, il virus è rapidissimo” e l’Italia appare in grande affanno per quanto riguarda i ricoveri, il contact tracing e il personale ospedaliero.Il personale medico e sanitario – afferma Ricciardi – è più restio oggi a entrare nei reparti Covid perché è stato anche vilipeso. Dopo la prima fase eroica oggi è cambiata la situazione”.

Covid, Ricciardi: “Contano solo ai ricoveri”

Ricciardi, già nei giorni scorsi, aveva dichiarato la poco rilevanza in questa fase dell’emergenza sanitaria del numero dei contagi, ad oggi per l’esperto conterebbero infatti solo i ricoveri negli ospedali. “Ormai la curva dei contagi non fa testo – aveva detto a La Repubblica – perché è saltato il tracciamento. Le vere curve da osservare in questo momento sono quelle dell’occupazione dei posti letto e dei decessi. E stanno salendo”.

Ad Agorà il consigliere di Speranza è tornato sul tema dei posti negli ospedali, rigettando l’ipotesi che alcune regioni possano aver comunicato dei dati falsi, valutati al ribasso, per scongiurare l’ipotesi di una chiusura: “Non ci voglio nemmeno pensare che i dati possano essere stati manomessi, perché sarebbe un reato gravissimo”. E infine idee chiare anche per quanto riguarda il vaccino Pfizer che, a detta dell’azienda, potrebbe essere in commercio già entro la fine dell’anno. “È una notizia bellissima – afferma Ricciardi – ma le prime dosi arriveranno auspicabilmente all’inizio dell’anno prossimo, non prima, per questioni di autorizzazioni. Siamo fiduciosi che nel 2021 avremo uno o forse 2 vaccini, ma anche allora dovremo stare attenti”.