Il Qatar vola italiano, accordo per addestrare i piloti militari

·1 minuto per la lettura
Il Qatar vola italiano, accordo per addestrare i piloti militari
Il Qatar vola italiano, accordo per addestrare i piloti militari

Doha, 13 nov. (askanews) – Il Qatar volerà italiano; è stato raggiunto, infatti, un accordo tra l’Aeronautica militare italiana e la forza aerea del Qatar per l’addestramento dei futuri piloti militari del Paese mediorientale. L’intesa è stata siglata in occasione della visita a Doha del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini.

“Credo che ci siano tutte le condizioni qui perché il sistema Italia lo si veda e produca effetti positivi e benefici per il nostro Paese – ha detto il ministro – sia in termini di influenza dal punto di vista politico e geopolitico sia in termini di ritorno industriale sul Paese sia in termini di crescita delle amicizie e della collaborazione bilaterale”.

Il progetto vede coinvolta anche Leonardo attraverso la International Flight Training School (IFTS), riferimento internazionale per la formazione dei piloti militari destinati a operare sui jet ad alte prestazioni a partire dalla cosiddetta “Fase IV” (Advanced/Lead-In to Fighter Training) propedeutica all’impiego operativo sui caccia e attraverso la creazione di nuovo polo addestrativo distribuito tra la base di Galatina in provincia di Lecce e quella di Decimomannu in Sardegna, a partire dal 2022.

I vertici militari della forza aerea del Qatar sono stati conquistati dal syllabus addestrativo della Aeronautica militare italiana basato su un sistema di training integrato che prevede il ricorso a missioni miste, reali e virtuali, utilizzando sia simulatori sia gli addestratori avanzati T-346A e i nuovi T-345 prossimi all’ingresso in servizio al posto degli Mb-339 al 61esimo Stormo di Galatina.

Il Qatar, inoltre, è uno dei Paesi stranieri che utilizza il caccia Eurofighter Typhoon. Nel 2017 ne ha ordinati 24 realizzati dal consorzio europeo quadrinazionale che vede l’Italia in prima linea attraverso Leonardo.