Il racconto di Giorgio Faletti continua con i progetti che ha lasciato sulla scrivania

·2 minuto per la lettura

AGI- "Sono passati già sette anni, abbiamo fatto tante cose per ricordare Giorgio. Sicuramente è stato un periodo proficuo per raccontarlo. È un po' come se lui fosse stato sempre con noi. È sempre stato presente e il suo pubblico con lui". A parlare è Roberta Bellesini, moglie di Giorgio Faletti, scrittore, cantautore, ma anche regista, attore, comico e cabarettista. Dagli inizi del luglio 2014, quando Faletti è scomparso dopo una malattia, Roberta non si è mai fermata, anzi, si è impegnata per raggiungere con determinazione due obiettivi: far vivere i lavori rimasti incompiuti del marito e mantenere saldo il rapporto con il pubblico.

"Sono stati sette anni intensi - spiega all'AGI - e pieni di soddisfazione. Una soddisfazione arrivata direttamente dal suo pubblico. C'è sempre stato un grande affetto, reciproco. Giorgio aveva un rapporto speciale con spettatori e lettori, aveva grande rispetto di chi lo seguiva. Portava un lavoro sul palco solo quando era davvero sicuro, perché mai avrebbe voluto deludere il pubblico. Era molto critico e severo con se stesso. La sua paura? Era che qualche suo lavoro non venisse capito". 

Il lavoro incessante è proseguito in tutti questi anni. "Abbiamo continuato a raccontare Giorgio attraverso i progetti che erano sulla sua scrivania - spiega la moglie - perché è giusto narrarlo nei suoi successi e molti festival legali allo spettacolo o festival letterari lo fanno, ma anche, e soprattutto, è giusto raccontarlo con lavori nuovi che Giorgio non era riuscito a portare a compimento". Così, nel 2015 è arrivato sul palco 'L'ultimo giorno di sole', che è anche l'ultimo racconto scritto da Faletti.

"È l'ultimo a cui si è dedicato - racconta Roberta Bellesini - voleva farne la regia. È un progetto bellissimo in cui ci siamo buttati anima e corpo. È stato un bel lavoro di gruppo, c'è stato un ottimo riscontro da parte del pubblico e dalla critica. Lo abbiamo portato anche a New York, è un lavoro che ci ha dato tanta soddisfazione. Abbiamo dovuto bloccarci a causa del Covid, ma speriamo di proseguire". E poi 'Appunti di un venditore di donne', che da romanzo è diventato un film trasmesso in prima TV a fine giugno.

 "La trasposizione cinematografica di questo libro - racconta Roberta Bellesini - era il sogno di Giorgio. Essere arrivati a quel traguardo è stato davvero molto bello". Secondo la moglie, "Giorgio vive perché lavori postumi come 'La piuma', 'L'ultimo giorno di sole' vivono, piacciono al pubblico e danno grandi soddisfazioni".

E mentre una targa collocata da pochi giorni sulla casa natale di Faletti, in corso Torino ad Asti, ricorda le radici dello scrittore e lo definisce "artista eclettico", il futuro di Giorgio continua. "Stiamo lavorando da tempo alla trasposizione cinematografica di 'Io uccido' - spiega Bellesini - per le sue caratteristiche è più adatto a una serie Tv. È un lavoro lungo, speriamo di riuscire a realizzarlo presto. Sarà un altro sogno di Giorgio che si realizza". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli