Il ragazzino lo aveva sorpreso a farne uso ed il genitore lo ha “coinvolto” per evitare delazioni

Padre avrebbe fatto prendere della cocaina al figlio minorenne
Padre avrebbe fatto prendere della cocaina al figlio minorenne

Arriva dall’Umbria la vicenda di un uomo che spinge il figlio 13enne ad assumere cocaina con una frase agghiacciante riportata in denuncia: “Papà ti fa provare la polvere magica”. Il ragazzino lo aveva sorpreso a farne uso ed il genitore lo ha “coinvolto” forse per evitare delazioni. Tutto è scoppiato quando lo scorso primo luglio quel minorenne è stato accompagnato all’ospedale di Terni e dopo una serie di esami su richiesta di sua madre è stato trovato positivo alla cocaina.

Spinge il figlio 13enne ad assumere cocaina

Pare proprio che a fargliela “provare” sarebbe stato suo padre, quando? Lo scorso 27 giugno, quando il 13enne e suo padre erano in vacanza al mare assieme. qualche giorno insieme al mare. Il racconto del ragazzino è quello per cui “avendo trovato il padre intento ad assumere la droga si sarebbe sentito dire: ‘Vieni che papà ti fa provare la polvere magica’”. La madre ha presentato denuncia ai Carabinieri di Terni con le tutele legali degli avvocati Giacomo Marini e Federico Favilla del foro di Roma.

La denuncia della madre e i precedenti dell’uomo

E quell’atto cita circostanze precise: “Dal referto del primo luglio emerge come il minore (…) fosse effettivamente positivo alla cocaina“. Dal canto suo la madre ha spiegato ai militari “di non avere mai assunto sostanze stupefacenti” né di “avere mai visto il marito” utilizzare sostanze che “mai sono state presenti in casa”. A gennaio il denunciato era stato allontanato dalla casa famigliare per una serie di episodi per cui, in diverso contesto, nelle scorse settimane è stato condannato in primo grado a 3 anni e 4 mesi di reclusione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli