Il raggiro da 700mila euro per le “cure” smascherato dalle Iene e “girato” alla magistratura

·1 minuto per la lettura
Roberto Cazzaniga
Roberto Cazzaniga

L’ex pallavolista Roberto Cazzaniga è stato truffato da una finta fidanzata che senza averlo mai incontrato di persona gli chiedeva soldi per fantomatiche cure, soldi per i quali Cazzaniga ha contratto anche debiti: il raggiro da 700mila euro per le “cure” è stato smascherato dalle Iene e “girato” alla magistratura.

Cazzaniga truffato dalla finta fidanzata: la sedicente “Maya” smascherata dalle Iene

Magistratura che farà giustizia sulla vicenda, che pare abbia origine in Italia, ma che certo non riporterà la serenità nell’animo di Roberto, non subito almeno. A smascherare la truffa ci ha pensato una incursione ad hoc delle Iene: il team guidato da Nicola Savino era stato allertato dai familiari di Cazzaniga, che lo vedevano troppo coinvolto in una faccenda che oggettivamente “puzzava”.

Ecco come Cazzaniga è stato truffato dalla finta fidanzata: la foto della modella brasiliana

Da circa 15 anni Roberto elargiva denato ad una fantomatica e bellissima Maya, che aveva conosciuto per intercessione telefonica di una tal Manuela. La foto di Maya era una di quelle meno mainstream di una ex modella di Victoria’s Secret del Brasile, Alessandra Ambrosio. Cazzaniga pagava con regolarità per i problemi di salute inventati della donna che lo aveva irretito ed era arrivato anche a chiedere prestiti.

La malattia e le cure-esca: truffato dalla finta fidanzata alla fine Cazzaniga denuncia

Alla fine una denuncia alla Guardia di Finanza ha chiuso il meschino raggiro, con le Iene che hanno raggiunto anche la presunta vera destinataria dei bonifici dell’ex pallavolista. Si tratta di una tal Valeria che, ovviamente, è stata molto elusiva, ammettendo solo che la postepay in cui confluivano i soldi di Cazzaniga era sua.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli