Il Regno Unito si trova in una vera e propria "crisi da gnomi"

·2 minuto per la lettura
Nani da giardino introvabili in Gran Bretagna: ecco perché
Nani da giardino introvabili in Gran Bretagna: ecco perché

Gran Bretagna, mancano i nani da giardino: le statuette, che sono richiestissime, sono ormai introvabili nei negozi britannici. Ecco il motivo.

Nani da giardino introvabili in Gran Bretagna

Nel regno Unito sono terminati i nani da giardino. A riportare la notizia è stato il quotidiano britannico The Guardian, che racconta di come il Paese sia piombato in una vera e propria “crisi da gnomi“. A mettere ulteriormente in crisi i negozi di giardinaggio del Regno Unito sono stati: il recente blocco del canale di Suez, insieme alla Brexit e, ovviamente, alla pandemia di Covid-19.

Il vicedirettore dell’Highfield Garden World di Whitminster, nel Gloucestershire, Ian Byrne, ha sottolineato come ci sia stata una “massiccia ripresa” delle vendite di gnomi ma, ha aggiunto, “sfortunatamente non ne vede uno da sei mesi”.

Boom nei negozi di giardinaggio

Durante il lockdown dovuto alla pandemia Covid, nel Regno Unito c’è stato un vero e proprio boom nei negozi di giardinaggio nel 2020: si parla di +97% rispetto all’anno precedente.

“Le materie prime stanno diventando un po’ un problema e purtroppo gli gnomi sono una vittima di questa penuria – aggiunge Byrne – Gnomi di qualsiasi tipo (plastica, pietra o cemento) scarseggiano. Sono stati molto popolari nelle ultime due stagioni, abbiamo assistito a un massiccio aumento delle vendite di gnomi e sicuramente c’è anche una clientela diversa che li desiderava”.

“La maggior parte dei garden center non se n’è accorto, anche se lo farà. Stiamo affrontando una tempesta perfetta di isolamento, tutti sono bloccati a casa e una cosa che possono fare le persone è il giardinaggio”, spiega invece Iain Wylie, amministratore delegato della Garden Center Association. “Non siamo immuni dal fatto che una nave rimanga bloccata in un canale e dai problemi di costo del trasporto a causa della Brexit o della pandemia”, conclude l’AD.