Il report di Gimbe sulla situazione Coronavirus nell'isola

·3 minuto per la lettura
covid gimbe terapie intensive
covid gimbe terapie intensive

Il responso della Fondazione Gimbe sulla situazione dei contagi in Sardegna è senza appello in quanto a numeri ma appellabilissimo in quanto a “sbocchi” ospedalieri: nell’isola in una sola settimana si è registrato un clamoroso +212,5% di nuovi casi. Sono numeri che vanno letti al di là del dato secco e mainstream, perciò analizziamolo con l’aiuto del report della Gimbe. Il primo dato è già una sorta di paradosso, quello cioè per cui in Sardegna ci sono meno positivi per 100mila abitanti, 125. A fronte di questo “arretramento” si registra però una vera slavina di casi in più: l’incremento è stato calcolato infatti al 212,5% dei casi rispetto alla settimana precedente, quando in pratica l’aumento era stato “solo” del 202%.

Allarme Sardegna a +212,5% di nuovi casi, il report di Gimbe e cosa ci dice

Attenzione: il raffronto fra l’aumento di sette giorni fa e quello registrato in queste ore è già “giocato” su numeri a tre cifre. Quello quindi che in Sardegna, isola turistica per eccellenza con una prevalenza di variante Delta acclarata da tempo, è il dato genuino sulla curva dei contagi. Una curva che è stata fotografata nella settimana 14-20 luglio dalla Fondazione Gimbe. Le province sarde con l’incremento maggiore di nuovi casi, standardizzato come superiore al 20% nelle ultime due settimane e con aumento maggiore o eguale si casi nell’ultima settimana sono due.

Sardegna +212,5% di nuovi casi con due zone particolarmente colpite

Vediamo la situazione: la Città Metropolitana di Cagliari ad esempio è stata teatro di un incremento monstre del 442,9% dei casi nella settimana tra i 1 e il 13 luglio (190 in termini assoluti), il tutto per arrivare poi ad un +226,3% ma con 620 nuovi tra il 14 e il 20 di questo mese. Potrebbe andare peggio, anche a fare la tara al relativismo della nuova situazione e dello scudo vaccinale? Purtroppo si, e peggio ancora lo ha fatto il Sud Sardegna. Nell’area meridionale dell’isola, che però è macro area rispetto a Cagliari CM, si è registrato un +571,4% (47 nuovi casi) la seconda settimana di luglio e un +400,0% ma con 235 nuovi casi nel periodo preso in considerazione con l’ultimo monitoraggio Gimbe.

Sardegna +212,5% di nuovi casi, ma i ricoveri normali sono al 4% e quelli in terapia intensiva all’1%

La nota positiva che stempera questi numeri dalla parvenza agghiacciante e che devono comunque far riflettere chi non vuole vaccinarsi ed agire chi tiene le redini decisoria di isola e paese è quella relativa ai ricoveri. Perché? Perché a fronte di quelle cifre che suggerirebbero, magari nel contesto dell’anno scorso, una specie di ecatombe sanitaria, c’è invece il dato per cui i ricoveri “permangono sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica, 4%, e terapia intensiva, 1%, occupati da pazienti Covid-19”.

Tradotto: la vaccinazione sta funzionando e la Delta imperversa dove il ciclo vaccinale è monco o addirittura assente. La Sardegna aveva da tempo messo in atto misure specifiche anche per il turismo, e nell’agenda della governance isolana c’era anche l’idea di testare in generale tutte le persone che giungono sull’isola, anche chi provenisse da altre regioni italiane.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli