Il retroscena su Giuseppe Conte al Senato

conte-senato

Giuseppe Conte presto a Palazzo Madama? È questa l’indiscrezione che mette paura alla maggioranza governativa. Mentre Matteo Renzi, dopo settimane di contrasti, inizia ad appoggiare anche con dichiarazioni a mezzo stampa l’esecutivo giallo-rosso, c’è chi avrebbe addirittura individuato il giorno della caduta della maggioranza. Secondo quanto rilanciato da La Repubblica Conte sarebbe pronto a presentarsi come candidato al Senato. Il prossimo 8 novembre, infatti, si voterà in Sardegna, nella circoscrizione di Sassari, per rimpiazzare la onorevole Vittoria Bogo Deledda, in quota Cinque Stelle, morta prematuramente.

Conte possibile candidato al Senato?

Per questo motivo, l’attuale Primo Ministro starebbe pensando a una candidatura al Senato che lo porterebbe alla completa trasformazione da tecnico (come fu presentato nel 2018) a politico eletto. Domenica 8 novembre, dunque, potrebbe essere la data crocevia per la stabilità della maggioranza del Paese. Palazzo Chigi potrebbe cambiare titolare qualora Giuseppe Conte dovesse ottenere esito positivo nella votazione al Senato.

La candidatura dell’attuale Premier potrebbe portare a una crisi di Governo. E il Movimento Cinque Stelle è preoccupato da ciò che potrebbe essere nel prossimo triennio quando bisognerà indicare il nome del nuovo Capo dello Stato. Fonti pentastellate rivelano: “Noi non abbiamo candidati credibili per il Quirinale. Lì andrà per forza un Dem. Ne abbiamo invece uno per il governo: Di Maio”.