Il "ricatto" di Boschi: "Prendere atto che senza di noi non c'è maggioranza"

Claudio Paudice
·Giornalista, L'HuffPost
·1 minuto per la lettura
(Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
(Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

“Abbiamo semplicemente chiesto un rinvio per una ragione di merito e una di metodo. Nel merito, prima di decidere l’età per l’elettorato attivo, vale la pena decidere che cosa fa il Senato. Sia Zingaretti che Di Maio, ma anche Zaia e Berlusconi, hanno aperto al superamento del bicameralismo paritario: andiamo a vedere le carte? Nel metodo: non è possibile che le riforme si votino senza un accordo complessivo”. Lo dice, intervistata da La Repubblica, Maria Elena Boschi, capogruppo di Italia Viva alla Camera a proposito del mancato varo della riforma costituzionale sul voto ai 18enni anche per il Senato.

E alla domanda: ma un accordo non c’era già, condiviso anche da voi renziani nell’agosto 2019, per consentire la nascita del Conte-due? Boschi risponde: “Eh no. Quell’accordo è stato già modificato da Pd e 5S quando hanno stralciato al Senato l’abbassamento dell’elettorato passivo da 40 a 25 anni. Oggi alla Camera si è trattato solo di prendere atto che senza di noi non ci sono i numeri”.

“Tutte le volte che abbiamo posto elementi di confronto ci hanno accusato - aggiunge - di alzare il prezzo: quando abbiamo bloccato l’aumento dell’Iva o suggerito il piano shock sui cantieri o l’assegno universale per i figli. Non sono ricatti, sono proposte che facciamo per il bene del Paese. Abbiamo fatto nascere questo governo contro Salvini, ma essere contro non basta”. “Vogliamo - riferisce - che la maggioranza si riunisca, decida e riparta insieme. Se serve, aspetteremo l’appuntamento degli Stati Generali dei grillini. Ma governa chi sceglie, non chi rinvia”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.