Il rientro nel Paese è stato criminalizzato e prevede 5 anni di reclusione

·2 minuto per la lettura
Covid India Australia carcere
Covid India Australia carcere

In India la situazione relativa al covid continua ad essere molto critica, con i casi in crescita e una variante che preoccupa l’intero mondo in quanto sarebbe già presente in diversi altri Paesi. Molti sono gli Stati che per tutelarsi hanno imposto il blocco dei voli dall’India e da altri Paesi che hanno dimostrato avere un’ampia circolazione della variante indiana. In Australia, ad esempio, i cittadini che rientrano dall’India potrebbero rischiare fino a cinque anni di carcere e multe molto alte.

Covid, chi arriva dall’India in Australia rischia il carcere

Il governo australiano ha vietato all’inizio di questa settimana tutti i viaggi dal Paese asiatico e, come riferito dalla Bbc, non avrebbe nessuno voglia di abbassare il livello di guardia nei confronti di questo problema legato alle variante. La misura, stando a quanto detto dal ministero della Salute australaino, è “basata sulla proporzione di persone in quarantena che ha contratto il Covid-19 in India”.

Covid, carcere per chi dall’India entra in Australia

Stando ai numeri ufficiali del governo, sarebbero circa 9000 gli australiani che si trovano in India, per cui un loro rientro in massa sarebbe senza dubbio complesso da gestire. Proprio per questo è stato deciso di chiudere i confini in Australia, criminalizzando di base il rientro nel Paese.

Covid, in Australia carcere per chi entra dall’India: e in Italia?

Anche in Italia c’è grande apprensione per quello che sta avvenendo in India, con la paura più grande che è quella che la nuova variante possa essere resistente ai vaccini fin qui in circolazione. Andrà studiata la risposta immunitaria dei preparati in relazione a questa nuova mutazione che ha tra le sue caratteristiche una grande capacità di diffusione. Il ministro della Salute italiano, Roberto Speranza, ha bloccato tutti i voli provenienti in Italia da India, Bangladesh e Sri Lanka, istituendo inoltre maggiori controlli negli aereoporti. Proprio grazie a questi sono stati scoperti alcuni positivi che erano pronti ad entrare in Italia. Particolarmente attenzionata è poi la zona di Sabaudia, in provincia di Latina, dove si trova la seconda comunita sikh più grande d’Italia. La frazione di Bella Farnia entrerà in zona rossa, con un lockdown mirato.