Il rischio concreto di cessare l’attività e l’iniziativa di Confcommercio con le fatture comparate

La comparazione bollette 2021-2022 di Badiani
La comparazione bollette 2021-2022 di Badiani

Il grido di dolore di una storica gelateria di Firenze è quello di tante attività commerciali che in tutta Italia sono a rischio cessazione attività a causa della crisi energetica, crisi che ha colpito anche la gelateria Badiani, a cui è arrivata una bolletta “da 22mila euro, chiuderemo”. Il rischio concreto di cessare l’attività fa il paio con l’iniziativa di Confcommercio con le fatture del 2021 e del 2022 comparate ed esposte in vetrina.

Il grido di dolore della storica gelateria di Firenze

L’iniziativa di Confcommercio si chiama “Bollette in vetrina” e il titolare di Badiani, Paolo Pomposi, ha detto pubblicando la foto: “Quella che abbiamo affisso alla vetrina è la bolletta di luglio 2022 paragonata a quella di luglio 2021. Mi dicono che quella di agosto, che ancora deve arrivare, sarà ancora peggio“. Ma quanto aveva pagato l’anno scorso Pomposi e quanto il mese scorso?

Il triplo da pagare in soli 12 mesi

Da 6.886 euro di luglio 2021 ai 22.359 euro di luglio 2022, il triplo in 12 mesi. Ha detto Pomposi: “Per ora non abbiamo ritoccato nessun prezzo, perché spero sia una cosa sporadica e speriamo di assorbirla senza far pesare la spesa sui clienti”. Poi però l’ammissione che suona come una resa: “Se questa problematica però dovesse perdurare dovremo prendere dei provvedimenti e non riguarderanno solo l’aumento del listino“. E ancora: “Forse dovremo chiudere prima, produrre meno, mandare via delle persone. Ancora non lo so cosa faremo, ma ci siamo dati come scadenza la fine di settembre. Io chiedo solo che qualcuno più bravo di me, perché io non mi occupo di comprare e vendere energia, faccia qualcosa, ci dia il libretto delle istruzioni perché quello che potevamo fare l’abbiamo fatto”. Poi la chiosa e l’impotenza: “Abbiamo istallato impianti di luce a led, macchinari sempre aggiornati per ridurre l’impatto energetico. Più di così cosa devo fare?”.