Il ristorante degli ordini sbagliati

alessandro frau

Il nome sembra quello di un romanzo. “The Restaurant of mistaken orders”. Il ristorante degli ordini sbagliati. Ma non è una trovata di marketing. La serie di locali pop-up si trova in Giappone, a Tokyo ma non solo, e ha fatto una scelta molto precisa. Tutti i camerieri, infatti, sono pazienti che soffrono di demenza. Ed è per questo che la portata scelta da un cliente sul menu potrebbe non corrispondere a quello che invece viene effettivamente servito. “Ma ti assicuriamo che i nostri piatti sono tutti buonissimi”.

L'idea del fondatore Shiro Oguni gira tutta sul tema dell'integrazione. L'impulso per l'avvio del progetto lo ha avuto dopo la visita a un centro in cui erano ospitati diversi pazienti. "Come tutti gli altri, la mia consapevolezza della demenza all'inizio tendeva verso immagini che erano poco più che pregiudizi: si tratta di persone che perdono progressivamente la memoria e che possono ritrovarsi a vagare senza meta. Ma in realtà - ha raccontato a un sito governativo nipponico - possono cucinare, pulire, fare il bucato, fare shopping e fare altre cose normali”. Anche se in maniera non convenzionale e andando, di tanto in tanto, “fuori rotta”. 

Chi soffre di demenza spesso si trova isolato, fuori dalla società: “Ci sono più di 35 milioni di individui nel mondo che ne sono colpiti, nel 2050 potrebbero essercene più di 115 milioni. E molte persone credono che non possono fare nulla per se stessi. Noi vogliamo cambiare questa convinzione e far sì che anche possano in armonia con gli altri e fare qualcosa di importante”.


Il ristorante si inserisce in un contesto ben preciso. Il Giappone è una delle nazioni che deve maggiormente fare i conti con l'invecchiamento della sua popolazione. Tanto che alcuni studi riportano come il Paese sia in cima alla classifica per la crescita più rapida di casi di Alzheimer e demenza. I numeri, riportati da Guardian, sono preoccupanti: “Secondo il ministero della salute, oggi 4,6 milioni di persone soffrono di qualche forma di demenza. Una cifra che salirà a 7,3 milioni di persone - un giapponese su cinque di età pari o superiore a 65 anni - entro il 2025”.

Così, nel 2105. il governo di Tokyo ha previsto un pacchetto completo di misure per combattere la demenza che vanno dal incremento del personale medico specializzato allo sviluppo di nuovi farmaci, dalle visite domiciliari regolari al maggior supporto per le famiglie.

Una linea seguita, in qualche modo, anche dal ristorante. È lo stesso titolare a raccontare qualche scena. C'è una donna anziana, ad esempio, che mostra i suoi ospiti il loro tavolo e poi si siede con loro, come facesse parte del gruppo. Un altro serve un caffè caldo ma con una cannuccia. Un'altra prova a usare un grande macinapepe, e non tutto il pepe è destinato a cadere nel posto giusto. Tutti al tavolo aiutano e festeggiano per un'azione portata a compimento, gridando: ”Ce l'abbiamo fatta!". Per Oguni, del resto, “l'importante è l'interazione con le persone che hanno la demenza."


Davanti a un ordine sbagliato, infatti, il cliente è invitato a sorridere, comunicare l'errore e scherzare con il cameriere, consapevole che questo possa accadere. “È un luogo - racconta il video promozionale - che favorisce l'apertura mentale e la libertà”. La libertà di poter sbagliare senza per forza che questo comporti lamentele o diverbi.

“Sono convinto” dice ancora Oguni “che se il nostro messaggio e le nostre azioni venissero amplificate avremmo forse una società più aperta e tollerante”. Il primo pop-up ha registrato in media una percentuale di errori pari al 37%, ma il 99% degli avventori è rimasto soddisfatto e felice. Perché quello che conta, in questa storia, nonostante si tratti di un ristorante, non è per fortuna la qualità del cibo.