Il "ritorno americano" nel discorso di Trump su stato... -2-

A24/Pca

New York, 4 feb. (askanews) - Trump punterà sull'economia e sul commercio, argomenti che avranno una grande influenza sulla scelta degli elettori, alle presidenziali di novembre; parlerà del "grande ritorno americano" sulla scena mondiale, dell'accordo con la Cina e della nuova intesa commerciale nordamericana, l'Usmca. Il presidente, senza dubbio, dedicherà una parte importante del discorso all'immigrazione e alla sicurezza, con un'attenzione particolare al muro al confine con il Messico e alle nuove restrizioni all'ingresso per i cittadini di altri sei Paesi, tra cui la Nigeria, per motivi di sicurezza nazionale.

I risultati dell'economia, però, sono meno esaltanti di come cercherà di presentarli Trump. Lo scorso anno, il Pil è cresciuto solo del 2,3%, molto meno del 4% o più promesso dal presidente per i prossimi anni; con lui, l'economia è sempre cresciuta meno del 3%, obiettivo che ha solo sfiorato nel 2018. Il deficit, nel frattempo, ha superato i 1.000 miliardi all'anno. I numeri di Trump, scrive Politico, sono per molti versi inferiori a quelli del predecessore, Barack Obama. Il discorso di Trump, però, sarà improntato sull'ottimismo per il futuro della nazione, al contrario del "massacro americano" di cui aveva parlato nel suo tetro discorso inaugurale, nel 2017. (segue)