Il ritorno dell’uomo sulla Luna parte da Torino con HALO

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Torino, 15 feb. (askanews) - Il ritorno dell'uomo sulla Luna comincia da Torino. È qui, infatti, negli stabilimenti della Thales Alenia Space (joint venture tra Thales e Leonardo) che sta nascendo HALO (Habitation And Logistics Outpost), il primo modulo pressurizzato che costituirà la stazione cislunare Lunar Gateway, in orbita dalla fine del 2023.

L'azienda italiana ha firmato il contratto con Northrop Grumman per sviluppare il modulo che dovrebbe essere lanciato insieme al Power Propulsion Element (PPE) e sarà la prima cabina abitabile per gli astronauti in visita alla stazione cislunare.

Il suo scopo principale è fornire spazio vitale per gli astronauti dove poter preparare e organizzare la loro esplorazione della superficie lunare con funzioni di comando, controllo e gestione dei dati, stoccaggio e distribuzione dell'energia, controllo termico,comunicazione e tracciamento.

"Nelle aree produttive della Thales Alenia Space di Torino, dove è nata la Stazione spaziale internazionale sta nascendo il primo modulo abitativo della prossima stazione lunare Gateway che sarà la pietra miliare, il primo building block per la missione 'Artemis' e il ritorno dell'uomo sulla Luna - ha spiegato Walter Cugno, Vice presidente Esplorazione e Scienza di Thales Alenia Space - qui da noi sta nascendo il primo modulo, oggi la prima saldatura, quindi un evento estremamente importante per la nuova avventura che aspetta l'umanità la riconquista e la colonizzazione della Luna".

HALO avrà 3 punti di attracco per veicoli in visita e futuri moduli, oltre a spazi dedicati alla ricerca scientifica e allo stivaggio. Una volta attraccata anche la navicella spaziale Orion della NASA, HALO sarà in grado di accogliere fino a quattro astronauti per un massimo di 30 giorni, durante i loro viaggi di andata e ritorno sulla superficie lunare.

Il design di HALO deriva dalla navicella cargo Cygnus, con lo stesso diametro della navetta (3,07 m) ma con 1 metro di lunghezza in più per poter soddisfare le esigenze di volume abitabile per gli equipaggi.